Dopo l'alluvione di Villafranca si ragiona su come affrontare i cambiamenti climatici

Si è svolto nel salone comunale di Forlì un incontro che ha affrontato il tema dei cambiamenti climatici, delle dirette conseguenze sul territorio in termini di fenomeni sempre più estremi

Si è svolto nel salone comunale di Forlì un incontro che ha affrontato il tema dei cambiamenti climatici, delle dirette conseguenze sul territorio in termini di fenomeni sempre più estremi. Angelo Bonelli, capolista di Verde Europa, ha spiegato: "Ogni volta che si manifestano abbondanti precipitazioni ci auguriamo che gli argini resistano alla piena e che le piogge rallentino un po' per consentire all'enorme massa d'acqua che gonfia oltre ogni limite i nostri fiumi di defluire senza provocare altri danni. Alluvioni, frane, smottamenti provocano danni ingenti, spesso culminanti anche nella perdita di vite umane. Questo stato di cose non può certamente continuare soprattutto perché i fenomeni che possiamo definire abnormi stanno crescendo, così come crescono per quantità, intensità e in tempi sempre più brevi le precipitazioni che si alternano a lunghi periodi di siccità. Quello che sta accadendo mette in evidenza una vera emergenze di cui una attenta e rigorosa attività politico amministrativa deve occuparsi, con urgenza e priorità assolute. Inutile pensare che le cose stiano come un tempo, i cambiamenti climatici sono in atto e con velocità crescente si stanno modificando le condizioni ambientali nelle quali viviamo e ciò richiede interventi mirati e finalizzati a ridurre i rischi crescenti. Sottolineo come uno dei due vicepremier abbia in questi giorni affrontato questo tema drammatico con una barzelletta, augurando il riscaldamento visto che a maggio è ancora così freddo. Un tema serio che è la vera emergenza per il paese e per l’intero pianeta non può essere buttato in “caciara”. Anche i cinquestelle hanno tradito il loro programma che si annunciava ambientalista, e oggi purtroppo chi vota Cinquestelle vota Lega e chi vota Lega vota cinquestelle, in una commedia delle parti di opposizione di governo volta a mantenere il potere senza affrontare i problemi reali".

Fausto Pardolesi, tecnico regionale e candidato al consiglio comunale per Forlì Solidale e Verde, ha aggiunto: "Servono azioni di adattamento ai mutamenti che i cambiamenti climatici stanno provocando nell'ambiente. A Forlì e in Romagna, le buone pratiche, i progetti attuati, gli alvei rinaturalizzati sono infrastrutture verdi su cui costruire parchi fluviali di Montone e Ronco attraverso la istituzione di Contratti di Fiume che consentano una visione unitaria territoriale del bacino idrografico , coinvolgendo tutte le realtà amministrative del territorio, le realtà economiche e sociali e con la partecipazione attiva dei cittadini".

Giorgio Calderoni, candidato Sindaco del Centro sinistra, ha puntualizzato: "Serve fare quanto è indicato (e praticamente ancora in gran parte disatteso purtroppo) nella Strategia Nazionale di Adattemento ai Cambiamenti, ho avuto modo di apprezzare gli interventi e i progetti realizzati e da attuare con una visione ampia e partecipata. Nella criticità di questi giorni a Villafranca è emersa la capacità di intervento delle strutture tecniche coadiuvate dall’indispensabile azione del volontariato di Protezione Civile".

E' seguito l'intervento di Paola Gazzolo, Assessore Regionale Ambiente, difesa del suolo e protezione civile, che ha detto di "essere venuta con grande piacere a sostenere la candidatura di Giorgio Calderoni a Sindaco del Comune di Forlì e della candidatura di Fausto Pardolesi, con cui lavora da due mandati e che in questi anni ha dato una mano a risolvere situazioni particolarmente critiche come l'ultima di Villafranca e prima ancora nella frana di Corniolo". Ha poi sottolineato come "sia importante quanto è stato fatto finora, gli esempi illustrati, hanno messo in evidenza interventi non solo ben progettati ma anche efficacemente realizzati che ci indicano che quello che spesso si invoca si può concretamente fare. Senza adeguate risorse però tutto ciò resterebbe confinato nella categoria delle belle pagine di intenti ed è quindi necessario che  il Governo centrale metta a disposizione risorse adeguate, secondo una programmazione pluriennale di azioni che tengano appunto conto che il tempo che abbiamo di fronte è sempre più breve e che occorre agire subito".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • Due concorsi per una settantina di posti nel pubblico impiego, la Cgil organizza la formazione

  • Assalita nella lite condominiale a suon di 'terrona' e 'morta di fame': l'amara segnalazione di una donna

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • "Ripuliva" i soldi delle fatture false in una sala giochi: riciclaggio sull'asse Faenza-Forlì, sequestro da un milione di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento