rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Cronaca Forlimpopoli

Doppio incidente sul lavoro, i sindacati non ci stanno: "La sicurezza è un investimento aziendale. Servono più controlli"

"Per questo chiediamo che vengano intensificati i controlli, l’introduzione della patente a punti e applicazione delle sanzioni penali per mancato rispetto delle norme sulla sicurezza"

I sindacati Feneauil, Filca Cisl e Fillea Cgil intervengono per chiedere maggiore sicurezza dopo i due incidenti sul lavoro accaduti venerdì. Nel primo caso un furgone impazzito che ha travolto alcuni operai, nel secondo caso un operaio caduto da una impalcatura. "Venerdì anche a Forlì, si sono verificati due gravi incidenti sul lavoro che hanno coinvolto lavoratori, nello svolgimento della propria attività lavorativa - si legge in una nota congiunta - chiediamo alle autorità preposte di fare piena luce, individuando le responsabilità su quanto accaduto. Come Sindacati di riferimento della categoria, ancora una volta siamo a denunciare, quanto si debba ancora fare nella prevenzione degli infortuni e quanto si debba investire per evitare che questi succedano.  La sicurezza sul lavoro costituisce un investimento aziendale, troppo spesso invece è visto come un mero costo su cui cercare di “fare la cresta” per ridurre l’impatto economico".

Proseguono Cgil, Cisl e Uil: "Sicurezza e regolarità dovrebbe essere il binomio da perseguire in un settore articolato dove, nonostante l’avanzamento delle norme legislative, esiste un sistema di appalti e subappalti infiniti, tendenti ad eludere. La caduta dall’alto è la causa più frequente degli incidenti nel settore, la frenesia dello svolgimento dell’attività, finalizzata a rendere “di più”, costituisce sicuramente un altro fattore determinante. Per questo chiediamo che vengano intensificati i controlli, l’introduzione della patente a punti e applicazione delle sanzioni penali per mancato rispetto delle norme sulla sicurezza. Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ai Lavoratori coinvolti negli infortuni registrati, continuiamo a stare sul campo, anche attraverso le figure dedicate (RLST) a cui i lavoratori possono rivolgersi in caso di dubbi o segnalazioni di condizioni di pericolo, per raggiungere un obbiettivo, oggi molto lontano, di morti sul lavoro = 0.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppio incidente sul lavoro, i sindacati non ci stanno: "La sicurezza è un investimento aziendale. Servono più controlli"

ForlìToday è in caricamento