Epidemia tra i conigli del Parco Urbano, in arrivo una nuova mattanza

Una nuova epidemia di mixomatosi, una malattia che non ha alcun effetto sull'uomo, porterà il municipio ad un intervento che prevede l'eliminazione dei conigli malati

E' in arrivo una nuova mattanza di conigli al Parco Urbano di Forlì. Dopo il caso che si verificò nel 2012 si è verificata una nuova epidemia di mixomatosi, una malattia che non ha alcun effetto sull'uomo, e che porterà il municipio ad un intervento che prevede l'eliminazione dei conigli malati. I cartelli sono stati già esposti ai cancelli del Parco Urbano e alcuni cittadini hanno segnalato la “triste” novità alla redazione di ForlìToday.

Il Comune spenderà 13.500 euro per il servizio che comprende la cattura dei conigli presenti all'interno del Parco Urbano "F. Agosto", l’allestimento di una zona di controllo sanitario effettuato dal Servizio Veterinario dell'Ausl e la soppressione dei soggetti malati tramite gas, la distruzione degli animali morti e il successivo smaltimento delle carcasse. 

Sul caso interviene anche il Movimento 5 stelle, che ha ricostruito l'iter amministrativo. “Dopo le nutrie da abbattere adesso anche i conigli. Segno che il benessere animale non è fra le priorità di questa giunta comunale, del tutto insensibile agli appelli che già in rete circolano per evitare questa strage”, commentano Daniele Vergini e Simone Benini, consiglieri comunali del M5S. Già nel 2012 ci fu una "mattanza" di conigli sempre a causa di un’epidemia di mixomatosi, già allora era stata allestita la "quarantena" e molte decine di conigli furono uccisi, ora il copione sembra ripetersi.

Continuano dal M5S: “Fra le motivazioni addotte dall'amministrazione comunale per il provvedimento c'è il numero elevato di conigli, circa un migliaio, che starebbe producendo danni alla vegetazione arbustiva ed arborea, al suolo con la formazione di estese gallerie, possibile rischio epidemico per gli animali”: spiegano Vergini e Benini. Il M5S arriva a chiedere l'eliminazione dei conigli dal Parco Urbano, la cui presenza è uno dei suoi tratti distintivi, tanto che un'area e un locale porta significativamente il nome “Collina dei conigli”. Scrive il M5S: “Se devono ammalarsi ed essere abbattuti regolarmente ogni 4-5 anni allora la cosa non può funzionare. Diciamo ‘stop’ a queste crudeltà inutili. Basta con questi stermini e se si ritiene il numero di conigli incontrollato e incontrollabile allora si faccia di tutto per catturarli e trasferirli in altra area più consona”: aggiungono i due consiglieri comunali del M5S di Forlì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Elezioni, i programmi a confronto in 7 domande uguali per 7 candidati: queste le loro priorità e proposte

Torna su
ForlìToday è in caricamento