Esce dal carcere e si mette subito a rubare: preso dopo un inseguimento ai Portici

L’uomo, personaggio noto alle forze dell’ordine, è stato quindi arrestato per furto aggravato (aveva rimosso alcuni cartellini della merce per evitarne la riconoscibilità in caso di successivo controllo)

Gli agenti delle Volanti della Questura di Forlì ha arrestato un nordafricano di 26 anni, senza fissa dimora, cogliendolo in flagranza di furto aggravato. Il fatto è avvenuto venerdì sera, verso l’orario di chiusura degli esercizi commerciali. I poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, impegnati negli ordinari servizi di controllo del territorio per la prevenzione e repressione dei reati, stavano monitorando la zona di viale Colombo, in prossimità del centro commerciale Portici, e all’improvviso gli agenti si sono avveduti della sagoma di una persona in fuga, con due inseguitori che gli intimavano di fermarsi. Gli agenti immediatamente hanno compreso ciò che stava accadendo, anche perché gli inseguitori vestivano con abbigliamento, ormai ben distinguibile, dei commessi del supermercato Coop.

Il fuggitivo, una volta fermato, è stato trovato in possesso di uno zaino rubato, che aveva in spalla, all’interno del quale aveva raccolto altra merce rubata, per la maggior parte alcolici e beni di consumo alimentare, per un valore di circa una settantina di euro. L’uomo, personaggio noto alle forze dell’ordine, è stato quindi arrestato per furto aggravato (aveva rimosso alcuni cartellini della merce per evitarne la riconoscibilità in caso di successivo controllo), provvedimento adottato in ragione della sua pericolosità desunta dai precedenti penali, tra i quali spicca il fermo di indiziato di delitto applicato dalla Polizia il 10 maggio scorso, per rapina in concorso, commessa in pieno giorno in va via Manzoni ad un ciclista, che venne picchiato e derubato di occhiali di marca.

Per questo ultimo episodio il soggetto era stato da poco dimesso dal carcere a seguito della condanna di primo grado; in attesa della definitiva conclusione dell’iter processuale, gli era stata applicata la misura cautelare meno afflittiva dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria per tre volte la settimana. Durante le attività di indagine è anche emerso che nella stessa mattina di venerdì aveva commesso un simile furto in un altro supermercato cittadino. Sabato mattina si è tenuta l’udienza di convalida dell’arresto, richiesta dal pubblico ministero Fabio Magnolo, all’esito della quale il giudice monocratico del Tribunale, Elisabetta Giorgi, dopo avere avvallato l’operato della polizia giudiziaria, ha rinviato ad altra data il giudizio e nel frattempo ha disposto nei confronti dell’arrestato l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di firma quotidiana in Questura.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • Arriva la neve di Santa Lucia, il parere dell'esperto: ecco ci attende nelle prossime 48 ore

Torna su
ForlìToday è in caricamento