Cronaca

Oltre tremila chilometri tra paesaggi mozzafiato, sapori e ospitalità: un forlivese ambassador della Via Francigena Europea

Attraverso questa manifestazione Aevf - Associazione Europea delle Vie Francigene vuole festeggiare i 25 anni di attività e promuovere nuove forme di turismo lento nel cammino più lungo d’Europa.

Ci sarà anche Mattia Fiorentini, guida ambientale escursionistica nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e promotore del progetto Scomfort Zone, tra i partecipanti all’evento Via Francigena Road to Rome 2021. Si tratta di una lunga staffetta a piedi partita nel giugno scorso da Canterbury in Inghilterra e che terminerà il prossimo 18 Ottobre a Santa Maria di Leuca in Puglia. Attraverso questa manifestazione AEVF - Associazione Europea delle Vie Francigene vuole festeggiare i 25 anni di attività e promuovere nuove forme di turismo lento nel cammino più lungo d’Europa.

Fiorentini è stato selezionato da Aevf come Ambassador del progetto e camminerà 5 tappe del percorso pugliese dalla località di Troia a Monte Sant’Angelo per un totale di 105 km complessivi dal 2 al 6 ottobre prossimi. Durante il percorso verranno creati contenuti social e articoli che racconteranno l’esperienza vissuta e l’incontro con le associazioni e istituzioni locali incontrate. "Sono felice di partire per questa nuova avventura - spiega Fiorentini -. Praticare turismo lento, come quello della Via Francigena, è un’occasione per vedere le cose da una nuova prospettiva, condividere tempo con gli abitanti del posto, fare quella sana fatica che rimette in ordine le idee”. E’ possibile seguire le tappe del Road to Rome 2021 sui canali Facebook e Instagram di Scomfort Zone e di Via Francigena.

La via Francigena e Road To Rome

Il progetto “Via Francigena - Road to Rome 2021” è un evento partecipativo, organizzato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (Aevf) insieme alla sua rete di associati, partner e amici. Sarà per noi un grande momento di festa per celebrare il ventesimo anniversario di Aevf e un’occasione per promuovere lo slow tourism lungo le vie di pellegrinaggio e rilanciare il turismo in Europa. La marcia è rivolta a tutti gli amanti dei cammini. Dopo la partenza il 16 giugno da Canterbury, km 0 della Via Francigena, è il passaggio a Roma il 10 settembre, l'epilogo è previsto il 18 ottobre a Santa Maria di Leuca. Durante questa lunga marcia a piedi e in bicicletta lungo tutti i 3.200 chilometri della Via Francigena è possibile scoprire paesaggi mozzafiato, suggestivi siti culturali, sapori e calorosa ospitalità.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene è un'organizzazione europea senza scopo di lucro che si occupa di conservare e promuovere il patrimonio e l'eredità della Via Francigena - un cammino storico a lunga distanza. L'associazione, che riunisce 196 enti pubblici, 67 associazioni locali e più di 400 soggetti privati, coordina lo sviluppo e la promozione di questo percorso che attraversa l'Europa, ripercorrendo la storia del nostro continente e proponendo un’opportunità di viaggio lento. Il percorso ha ottenuto nel 2007 il titolo di “Itinerario Culturale del Consiglio d'Europa”. La sede centrale è a Fidenza (Italia), mentre una sede dislocata si trova a Champlitte (Francia).

La Via Francigena è conosciuta come “Via Francigena” dall'VIII secolo d.C.. Questa lunga strada tra Roma e il nord-ovest dell'Europa ha svolto diverse funzioni sia come strada militare che come via commerciale e di pellegrinaggio durante tutto il Medioevo.  È stata il punto di contatto di diversi valori e tradizioni e un veicolo estremamente importante per la trasmissione di messaggi culturali da una parte all'altra dell'Europa. La Via Francigena oggi offre 3200 km per realizzare un'esperienza a piedi attraverso l'Europa, da Canterbury a Roma e Santa Maria di Leuca, proponendosi come un percorso di scoperta culturale, naturale e spirituale. L’attuale Via Francigena segue quello che fu l’itinerario di Sigerico, arcivescovo di Canterbury, che nel 990 d.C viaggiò fino a Roma per incontrare il papa. Durante il suo viaggio, Sigerico raccontò 79 tappe del percorso nel suo diario. Grazie a questa testimonianza storica, è stato possibile ricostruire il tragitto tra Canterbury e Roma. Nel 2019, l’itinerario è stato ufficialmente esteso da Roma fino a Santa Maria di Leuca, sulla base dell’Itinerarium Burdigalense, il viaggio di un pellegrino anonimo del 333 d.C 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre tremila chilometri tra paesaggi mozzafiato, sapori e ospitalità: un forlivese ambassador della Via Francigena Europea

ForlìToday è in caricamento