Coronavirus, quali fabbriche e attività restano aperte: si attende la pubblicazione del decreto

"E' una decisione che si rende necessaria per contenere la diffusione dell'epidemia", ha evidenziato il presidente del Consiglio

Il premier Giuseppe Conte ha parlato a reti unificate nella tarda serata di sabato per annunciare la chiusura delle attività produttive non essenziali. Le nuove disposizioni saranno in vigore da lunedì 23 marzo almeno fino al 3 aprile. "E' una decisione che si rende necessaria per contenere la diffusione dell'epidemia - ha evidenziato il presidente del Consiglio -. L'emergenza sanitaria sta tramutando in piena emergenza economica. Ma lo Stato c'è. Il governo interverrà con misure straordinarie che ci consentiranno di rialzare la testa e ripartire quanto prima. Dobbiamo stringerci come una catena a protezione del bene più importante, la vita. Stiamo rinunciando alle abitudini più care. Lo facciamo perchè amiamo l'Italia, ma non rinunciamo al coraggio e alla speranza del futuro. Uniti ce la faremo".

Non è stato ancora pubblicato il decreto ministeriale che illustra nel dettaglio le attività che resteranno aperte. Secondo le bozze circolate nelle ultime ore, è possibile un primo elenco delle attività aperte e chiuse. Nella lista ancora provvisoria delle attività aperte ci sono quelle legate al settore alimentare, farmaceutico e biomedicale, oltre che tutto il comparto dei trasporti. Forte riduzione invece per la pubblica amministrazione, con la chiusura degli uffici non essenziali, esclusi quelli della sanità, della difesa e dell’istruzione. Restano attivi i servizi di assistenza sociale residenziale e non residenziale. Garantita l’apertura di edicole e tabaccai e tutti i servizi dell’informazione.

L'elenco

Per quanto concerne le fabbriche, resteranno attive le imprese del settore alimentare (bevande, filiera agro-alimentare e zootecnica); tessile (legato agli indumenti di lavoro, escluso l’abbigliamento); carta; gomma, materie plastiche e prodotti chimici; raffinerie petrolifere; idraulica, impiantistica elettrica e condizionatori; forniture mediche e dentistiche; strumentisca per la filiera alimentare; e farmaceutico. Sono assicurati i trasporti pubblici locali, il traffico ferroviario (interurbano e merci), taxi, aerei e trasporto marittimo. Non rientrano nella stretta la categoria degli autotrasportatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto concerne le attività, saranno aperti supermercati e negozi alimentari (in Emilia Romagna chiusi la domenica secondo l'ordinanza firmata sabato dal presidente Stefano Bonaccini), farmacie e parafarmacie, servizi bancari e finanziari, veterinari, vigilianza privata, igiene urbana, imprese di pulizie, tabaccai ed edicole. Restano chiusi negozi che non vendono alimentari (come abbigliamento e giocattoli). Disposto il blocco totale del gioco, dal Gratta e vinci al Lotto, negli esercizi abituali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento