Fatti esplodere alla cava di San Varano gli ordigni trovati sul tetto di un pollaio

Mercoledì mattina sono tornati sul posto Polizia ed Esercito. Gli ordigni sono stati portati alla cava di San Varano, dove sono stati resi innocui

Sono stati neutralizzati mercoledì mattina dai militari del Reggimento Genio Ferrovieri di Bologna gli ordigni bellici rinvenuti una settimana fa sul tetto di un pollaio. La Polizia di Stato era intervenuta in una zona della campagna forlivese dopo una segnalazione. Gli agenti dell'Ufficio Prevenzione Generale hanno effettuato un sopralluogo accertando che si trattava di oggetti che si trovavano sulla tettoia ormai da qualche decennio.

Video - L'esplosione degli ordigni

Pur essendo stati notati dai residenti, quest'ultimi non avevano pensato di segnalarlo alle autorità. Un ospite a cena, notata la situazione, ha convinto i proprietari a liberarsi di quegli oggetti. Si tratta di sei colpi da mortaio e cinque bombe a mano, ormai praticamente distrutte dalla ruggine, ma che hanno richiesto la rimozione a cura degli artificieri. Mercoledì mattina sono tornati sul posto Polizia ed Esercito. Gli ordigni sono stati portati alla cava di San Varano, dove sono stati resi innocui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • Guasto al congelatore dell'ospedale, andate perse 800 dosi del vaccino stoccato a Forlì

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

  • Coronavirus, palestre ancora chiuse. "Contagi ancora alti. La riapertura è lontana"

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

  • Riapre per pochi giorni il temporary outlet di Flamigni per vendere le scorte di panettoni e pandori

Torna su
ForlìToday è in caricamento