rotate-mobile
Cronaca

Carretta parla a "Chi l'ha visto?": "Sono pentito. La gente non ha niente da temere"

"Ho ancora diverse restrizioni da rispettare - spiega -. Devo rimanere nella citta' dove mi trovo e non posso spostarmi in altri posti".

"La gente non mi deve temere". Ferdinando Carretta ha parlato a 'Chi l'ha visto?', in un'intervista telefonica in onda stasera durante la trasmissione di Rai Tre. L'uomo, che ora ha 52 anni e vive a Forlì, ha confessato di aver ucciso i genitori e il fratello minore nell'agosto '89 nella loro casa di Parma (i corpi non furono mai trovati). E' stato assolto perche' ritenuto totalmente incapace di intendere e di volere. Ora è libero, anche se con alcune prescrizioni: "Ho ancora diverse restrizioni da rispettare - spiega -. Devo rimanere nella citta' dove mi trovo e non posso spostarmi in altri posti".

"Certamente mi sono pentito di quello che ho fatto - chiarisce -. Ho rovinato non solo la mia vita, ma quella dei miei genitori, di mio fratello e dei miei parenti. La gente non ha niente da temere nei miei confronti, perche' quello a cui guardo io e' di fare una vita tranquilla, di lavorare, fare una vita normalissima. Da parte mia quindi non ha niente da temere, assolutamente".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carretta parla a "Chi l'ha visto?": "Sono pentito. La gente non ha niente da temere"

ForlìToday è in caricamento