rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Carmine in festa per la solennità della Beata Vergine

La data del 16 luglio per la solennità della Beata Vergine del Carmine, è legata al ricordo delle apparizioni della Madonna al carmelitano San Simone Stock

E’ una delle festività mariane più antiche della tradizione romagnola. Dopo nove giorni di preparazione (da qui il termine Novena), domenica 16 luglio la cristianità forlivese celebra la solennità della Beata Vergine del Carmelo. Per il secondo anno consecutivo la festa è organizzata da don Enrico Casadio: spetta al giovane parroco dell’unità pastorale San Mercuriale – Santa Lucia la cura della chiesa di corso Mazzini, dopo la partenza, nel settembre 2015, di padre Nazareno Mauri, l’ultimo religioso carmelitano residente a Forlì. Domenica, alla recita delle lodi mattutine delle 8 seguiranno alle 8.30 la celebrazione eucaristica officiata dallo stesso don Enrico e alle 11.15 quella presieduta dal vescovo di Forlì-Bertinoro monsignor Pizzi, con supplica alla Beata Vergine del Carmelo. La preghiera continua alle 18.30 con la recita dei secondi vespri e la messa delle 19 presieduta da padre Adriano Cozzi, superiore dei Servi del Cuore Immacolato di Maria di Vecchiazzano, con rinnovo dei voti del terz’ordine laico carmelitano, che in città annovera una ventina di aderenti. Al termine delle messe, benedizione e imposizione degli scapolari.

Seguirà la solenne processione, che transiterà in corso Mazzini, piazza Saffi, via dei Filergiti e via Fratti, sino al rientro in chiesa. In preparazione alla festa solenne del 16, nell’ambito della Novena, alle 20.30 del 12, 13 e 14 luglio si tiene il triduo di preghiera con recita del rosario, meditazione, adorazione e benedizione eucaristica. Mercoledì, alle 21.30 incontro culturale “Estasi di Santa Teresa”, presentazione dell’esperienza di laboratorio di restauro al Liceo artistico - musicale di Forlì sul dipinto di Antonio Fanzaresi, della chiesa del Carmine. Intervengono la professoressa Iole Zaccarelli con alcuni suoi studenti, la dottoressa Cecilia Pedulli e la dottoressa Isabella Cervetti. Venerdì, alle 21.30, è in programma la presentazione del libro di spiritualità “La settima perla. Il grande viaggio del discepolo incredulo” di don Alessandro Saporetti, alla presenza dell’autore.

Sabato, alle 18 saranno celebrati i primi vespri e alle 18.30 la messa per gli ammalati presieduta da don Emanuele Lorusso, parroco di Bertinoro, con la partecipazione di Unitalsi e Centro volontari della sofferenza. Da mezzogiorno del 15 luglio a tutto il 16 è possibile ottenere l’indulgenza plenaria alle condizioni indicate dalla Chiesa (confessione e comunione entro 15 giorni, recita del Credo e preghiera secondo le intenzioni del Papa). La data del 16 luglio per la solennità della Beata Vergine del Carmine, è legata al ricordo delle apparizioni della Madonna al carmelitano San Simone Stock, che ricevette il dono dello scapolare, ovvero due piccole immagini in stoffa della Beata Vergine, unite da un filo, che vengono poste sulle spalle del fedele. La devozione alla Madonna del Carmine è invece legata alle origini dell’ordine, nato sul monte Carmelo in Terra Santa nel XIII secolo. Istituita in Inghilterra alla fine del XIV secolo, la solennità nel 1609 fu estesa a tutte le comunità dei Carmelitani, fino a divenire nel 1726 festa di tutta la Chiesa per merito di papa Benedetto XIII. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carmine in festa per la solennità della Beata Vergine

ForlìToday è in caricamento