menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La devozione alla Madonna del Fuoco, centro gremito. Il vescovo: "Uniti, con Maria, non avremo paura di niente"

Nell'omelia il vescovo si è focalizzato sul concetto di fraternità, che viene trasmesso anche dall'immagine della patrona

“Uniti con Maria non avremo paura di niente”. Centro di Forlì gremito per la festa patronale della Madonna del Fuoco. La persistenza della pandemia, con la conseguente cancellazione della grande fiera ambulante e di numerosi altri eventi collegati alla solennità religiosa, non ha fermato l’afflusso dei forlivesi nel cuore pulsante della città. Le limitazioni al “copione” tradizionale, dettate dall’emergenza sanitaria, si sono palesate in tutta la loro evidenza anche in Duomo, rimasto l’unico baluardo di manifestazione della festa. La chiesa madre dei forlivesi ha visto un continuo afflusso a tutte le celebrazioni liturgiche officiate nell’arco della giornata.

Il servizio d’ordine all’interno del Duomo, è stato garantito da una sessantina di volontari tratti dal Gruppo Preghiera di Monte Paolo, Unitalsi e Comunione e Liberazione, che hanno guidato i fedeli verso i 400 posti a sedere allestiti nella navata centrale e nelle due cappelle laterali della Madonna del Fuoco e del Santissimo Sacramento, garantendo l’igienizzazione della chiesa tra una messa e l'altra. L’apice della partecipazione è stata raggiunto, alle 11, dalla liturgia pontificale del vescovo di Forlì-Bertinoro monsignor Livio Corazza, che ha officiato assistito da mons. Lino Pizzi e mons. Giorgio Biguzzi, vescovi emeriti rispettivamente di Forlì-Bertinoro e di Makeni, in Sierra Leone. Nei primi banchi della navata centrale comparivano le autorità, fra cui il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini. “Quest’anno - esordisce il vescovo Corazza nell’omelia - vorrei sottolineare il collegamento tra la fraternità e la Madonna del Fuoco”. Il presule friulano ha spinto molto sull’accostamento fra la patrona forlivese e l’ultima enciclica di papa Francesco “Fratelli Tutti”.

“La fraternità e Maria, Madonna del Fuoco, hanno una coincidenza straordinaria: mentre il 4 febbraio 2019, insieme con voi per la prima volta, celebravamo la festa patronale, papa Francesco e l’Imam Ahamad Al–Tayyeb firmavano il Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, ad Abu Dhabi. L’anno scorso, nell’anno della pandemia più estesa della storia, papa Francesco ha pubblicato la sua terza enciclica, Fratelli tutti, firmandola il 3 ottobre ai piedi della tomba di san Francesco ad Assisi. Ultima novità, nello scorso dicembre, l’Assemblea generale dell’Onu ha dichiarato che ogni anno, il 4 febbraio, ricorrerà la Giornata internazionale della fratellanza umana. Oggi, con la festa della Madonna siamo invitati a celebrare e a vivere questa Giornata. Sono solo coincidenze? Io penso di no”. E’ anche per questo motivo che quest’anno, come predicatrice della Novena mons. Corazza ha chiesto a suor Ornella Fiumana delle suore della Sacra Famiglia di Cesena, di predicare sul tema di Maria e la fraternità nella Fratelli tutti.

“Cari fratelli e sorelle, ecco lo sposalizio tra Maria Madonna del Fuoco e il desiderio di assumere fino in fondo la verità della fratellanza: non solo siamo fratelli, ma vogliamo vivere da fratelli”. Il vescovo è fermamente convinto della necessità di vivere sino in fondo la fraternità: “In questi mesi di pandemia, gli unici segni di speranza sono venuti quando gli uomini si sono trattati da fratelli e sorelle”. Il presule ritorna ad osservare sin nei minimi particolari l’icona miracolosa della Madonna del Fuoco: “Nella xilografia tanto antica troviamo la risposta. Non dimentichiamo che Maria e i tanti personaggi che circondano il quadro della Madonna con Gesù Bambino sono uniti da una particolarità. Tutti hanno risposto di sì al Vangelo, hanno risposto di sì all’invito di Maria: “Fate quello che vi dirà”. Tutti hanno fatto sentire, con la loro vita e testimonianza, la musica del Vangelo. “Maria vuole salvare anche noi oggi, vuole salvarci dalle fiamme distruttrici del male che lambiscono tante vite. E Maria ci salverà!”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento