rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
La rassegna musicale

Anno nuovo, Voci Nuove: si riaccendono i riflettori sul Festival di Castrocaro, sarà un luglio a tutta musica

A darne l’annuncio è il sindaco Francesco Billi, che già lo aveva anticipato nell’ultima seduta del consiglio comunale

“We got it, ce l’abbiamo fatta”. Dopo la mancata edizione del 2022 e due bandi andati deserti, il Festival Voci Nuove di Castrocaro Terme ha un nuovo gestore. A darne l’annuncio è il sindaco Francesco Billi, che già lo aveva anticipato nell’ultima seduta del consiglio comunale. Dopo il passo indietro della Arcobaleno Tre di Lucio Presta, la società che aveva curato la manifestazione per diversi anni, ad aggiudicarsi la gestione dell’edizione 2023 è stata l’Isola degli Artisti - peraltro unica proposta arrivata - del manager e produttore Carlo Avorello, una realtà indipendente del panorama musicale, etichetta discografica ma anche Academy per giovani interpreti e produttori.

VIDEO - La presentazione del Festival: "Vogliamo arrivare ai giovani"

Nelle intenzioni degli organizzatori sarà un festival molto “digital”, attento per vocazione alla tradizione e alla qualità musicale - il Festival ha acceso i riflettori, tra gli altri, su Zucchero, Laura Pausini, Eros Ramazzotti - ma con una forte propensione al mondo social e alle piattaforme musicali più attrattive per i giovani. Quale, tra le molte oggi disponibili, resta ancora da sapere. Nel progetto in via definizione, e che sarà annunciato nei particolari nel mese di marzo in una conferenza stampa a Milano, sono previste due giurie: una rappresentativa del mondo dei media, composta da influencer e personaggi della tv “tradizionale”, e una prettamente musicale, con la presenza di manager, autori e compositori, che andranno a selezionare il vincitore su tre categorie: interpreti, cantautori e gruppi.

In attesa di individuare lo scenario che farà da sfondo dell’edizione 2023, di certo c’è che il Festival si terrà a luglio e non sarà un appuntamento “one shot”, ma un evento che coinvolgerà gli artisti e il territorio con serate dal vivo e momenti di formazione per gli artisti. Insomma, un mese di musica. Verrà anche riproposto anche il Festival “Vocine Nuove”, concorso dedicato ai bambini e ai ragazzi fino a 14 anni d’età, pensato soprattutto per le famiglie e per i più giovani. “Dopo lo stop del 2022 bisognava agire rapidamente per ottenere un risultato tutt'altro che scontato e il nuovo bando si è concluso felicemente - ha detto il sindaco Billi -. Il Festival è un grande patrimonio per il nostro territorio che si può esprimere richiamando i giovani e identificandoci come la città della musica. Una sfida che abbiamo assunto fin da subito e che oggi ha dato i suoi risultati. Nelle prossime settimane ci ritroveremo con i commercianti, gli albergatori e le attività del territorio per capire come preparaci e sfruttare al meglio questa grande occasione”.

“Il Festival rappresenta una ricchezza del territorio dal passato prestigioso - ha dichiarato l’assessora alla Musica, Catia Conficoni - ma se vogliamo che torni ad essere un punto di riferimento nazionale dobbiamo cercare di proiettarlo nel futuro: in questo senso credo che il progetto di Carlo Avarello e dei suoi collaboratori vada nella direzione giusta”. “Abbiamo intenzione di costruire a Castrocaro un trampolino di lancio che metta al centro i giovani talenti, la loro formazione e il loro percorso artistico - dice Carlo Avorello, fondatore dell’Isola degli Artisti, affiancato nella gestione del Festival da Maurizio Rugginenti e Cristian Gallana -. Metteremo a disposizione la nostra importante esperienza nel settore per trasformare il potenziale del concorso in un format di successo”.

L’etichetta discografica Isola della Musica - selezionata da una Commissione di cui hanno fatto parte anche il maestro Marco Sabiu, Luca Medri e Omar Brui di Cosascuola - ha partecipato 11 volte al Festival di Sanremo e ha collaborato con nomi della musica Italiana e internazionale: Fiorella Mannoia, Emma, Elodie, Tiziano Ferro, Ornella Vanoni, Loredana Bertè, Lucio Dalla, Al Jarreau, Gilberto Gil, Massimo Ranieri. Nel tempo si è affermata come casa di produzione per programmi televisivi come avvenuto con il “Premio Lunezia”, che nella quindicesima edizione ha visto la partecipazione di Andrea Bocelli, Charles Aznavour e Patty Pravo, e il “Premio Lelio Luttazzi”. Negli ultimi anni sono stati sette i giovani talenti che, dopo aver preso parte al percorso di Academy, sono entrati a far parte del programma Amici di Maria De Filippi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anno nuovo, Voci Nuove: si riaccendono i riflettori sul Festival di Castrocaro, sarà un luglio a tutta musica

ForlìToday è in caricamento