Cambio di rotta per la fiera di Forlì: "Torniamo a discutere con Cesena, Rimini e Parma"

Congelato per ora il matrimonio con la fiera di Parma e riaperte le trattative con la stessa città emiliana, ma anche con Rimini, con l'aggiunta nel mazzo anche di Cesena

Congelato per ora il matrimonio con la fiera di Parma e riaperte le trattative con la stessa città emiliana, ma anche con Rimini, che aveva fatto lo scorso anno una proposta poi scartata, con l'aggiunta nel mazzo anche di Cesena, data la dichiarazione del suo presidente Renzo Piraccini di considerare ancora attuale un progetto di intesa con Forlì per l'abbinamento di Macfrut e Fiera Avicola.

E' la strada che i soci della Fiera di Forlì Spa (società formata da Comune di Forlì, Camera di Commercio, Fondazione Carisp, Intesa San Paolo, Provincia e altri soci minori) hanno deciso di intraprendere giovedì mattina in un vertice alla Camera di commercio, dopo lo stop imposto dalla nuova amministrazione comunale di Forlì alla cessione di ramo d'azienda a Parma. “Abbiamo deciso di rifare un giro di consultazioni con Cesena, Rimini e Parma, per vedere se ci possono essere condizioni migliorative”, spiega l'assessore al Patrimonio Vittorio Cicognani.

I tempi di queste consultazioni? “Saranno veloci”, garantisce Cicognani. A gestirle in prima persona, dato che Gianluca Bagnara è dimissionario da presidente della fiera di Forlì, sarà il presidente della Camera di Commercio, Alberto Zambianchi, che dallo scorso aprile è tornato al vertice dell'ente camerale. Sempre Cicognani: “Essendo camera di commercio di Forlì-Cesena e Rimini ha la dimensione territoriale giusta per gestire queste consultazioni”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sullo sfondo permane la scadenza di fine settembre, la data entro cui i soci, in una precedente deliberazione, hanno deciso la messa in liquidazione di Fiera di Forlì Spa se non verrà trovato un partner commerciale per l'organizzazione delle fiere. “Una scadenza che rimane, ma che è 'dissinescabile' se giunge una proposta seria”, conclude Cicognani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento