FieraCavalli: "sempre connessi con la val Bidente"

Fausto Faggioli in un momento del workshop

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Dal 7 al 10 novembre, il Territorio forlivese è stato protagonista a Verona Fiere nel cui ambito, E.A.R.T.H. Academy (Accademia europea che si occupa di Sviluppo Rurale) ha organizzato un Workshop innovativo in cui l'offerta di Turismo rurale ha incontrato la domanda di Tour Operator in rappresentanza del mercato russo, statunitense, scandinavo, est europeo e tedesco, alla continua ricerca dell'offerta territoriale da proporre ai loro clienti. Unico workshop del settore in cui le imprese romagnole hanno incontrato anche Bloggers, con i quali, attraverso una comunicazione mediatica in diretta, in tempo reale, gli imprenditori hanno trasmesso la loro mission aziendale ad un numero elevato di utenti finali, utilizzando la loro professionalità, influenza, potere mediatico. Perché non basta essere sul web per avere una visibilità sul mercato. Bisogna creare connessioni, creare valore attraverso lo scambio e l'interazione con gli utenti e gli altri bloggers del settore.

"Il Turismo - sottolinea Fausto Faggioli, presidente di E.A.R.T.H. Academy - diventerà la prima industria del prossimo decennio e sarà uno dei primi settori dell'economia mondiale, trovandosi sempre più al centro della nuova "Filiera Territorio": Agricoltura-Turismo-Sport-Cultura-Ambiente. In ambito turistico, questa nuova direzione mette al centro il viaggiatore, la sua esperienza e storia personale. Ma non è tutto. Il futuro prospetta nuove soluzioni comunicative in cui non sono più solo parole e immagini a farla da padrone. Ogni giorno ci sono 70 miliardi di messaggi influenti, 350 milioni di foto condivise solo su Facebook, 250 miliardi di scatti fotografici messi in rete a disposizione di tutti, buona parte dei quali a soggetto turistico. Dati che confermano l'urgenza per le imprese di adeguarsi alle nuove modalità e ai nuovi linguaggi comunicativi degli utenti. Prima erano i libri, i film gli elementi capaci di influenzare le nostre scelte, oggi tutto questo si è trasferito sui social. Oggi sono le informazioni a cercare noi, non il contrario."

"Una delle sfide di questo Workshop - termina Faggioli - è quella di entrare in relazione con il reale in modo diverso. Visitatori e imprese hanno interagito su realtà e dimensioni virtuali, creando storie e prodotti scoperti in Fiera. Gruppi che si sono riconosciuti in gusti, esperienze e valori, scambiandosi opinioni selezionate. Questo è quello che proponiamo, una nuova frontiera per comunicare, in linea con il nuovo modo di utilizzare il web. Pur nella convinzione che nulla sostituisce una stretta di mano o il sapore di un prodotto tipico che non sono mancati in questo spazio che ha visto la presentazione delle proposte e le degustazioni di prodotti. Ogni Impresa contiene una promessa e oggi più che mai dobbiamo rafforzare e promuovere congiuntamente le nostre eccellenze: cultura, storia e tradizioni. In definitiva, il Workshop è un luogo dove si può fare business e raccogliere buoni frutti per affrontare le nuove sfide della competizione internazionale."

Ci aspetta un nuovo modo di fare impresa e di avvicinarsi alle dinamiche della rete, futuribile, sostenibile oltreché replicabile. Un QRcode, una quick response che potremmo applicare a tutti i nostri progetti, ai nostri obiettivi.

Torna su
ForlìToday è in caricamento