rotate-mobile
Il giallo di Civitella / Civitella di Romagna

Terminato l'esame ai fini investigativi del corpo di Severi: dopo oltre 4 mesi dall'omicidio fissati i funerali

Un funerale ad oltre 4 mesi di distanza della morte: finalmente il corpo di Franco Severi potrà essere seppellito e i famigliari avere una tomba sui cui piangere il loro caro

Un funerale ad oltre  4 mesi di distanza della morte: finalmente il corpo di Franco Severi potrà essere seppellito e i famigliari avere una tomba sui cui piangere il loro caro. La Procura della Repubblica di Forlì, infatti, ha concesso il nulla osta per la sepoltura dell'agricoltore 53enne di Civitella di Romagna trovato morto decapitato il 22 giugno scorso a Ca' Seggio. Unico sospettato di quella morte attualmente è il fratetello Daniele, che si trova in carcere. Per gli inquirenti il corpo della vittima - o per meglio dire quella parte che è stata rinvenuta, mancando ancora la testa - è stato adeguatamente ispezionato ai fini investigativi (con autopsia e rilievi scientifici, per esempio delle unghie), per cercare di dare un nome all'assassino, e per questo può essere restituito alla famiglia per un rito funebre che non è stato ancora celebrato. 

"Sono passati piu' di 4 mesi e finalmente possiamo fare il funerale e darti una sepoltura", scrive la sorella Anna su Facebook. Il funerale si terrà sabato alle 10 ne santuario della Madonna della Suasia, la monumentale chiesa di Civitella. Il feretro partirà dalla camera mortuaria dell'ospedale di Forlì, mezzora prima circa, per arrivare a Civitella e permettere ai parenti, agli amici e a tutta la comunità bidentina di stringersi nel dolore per questa morte che ha inevitabilmente suscitato scalpore e interrogativi. In questi mesi sono proseguite serrate le indagini, così come le ricerche della testa della vittima, tagliata dall'assassino o dagli assassini e finora non ritrovata nonostante le numerose ricerche. Secondo le ipotesi della Procura a ucciderlo sarebbe stato il fratello Daniele, 10 anni più vecchio della vittima, con il quale non correva buon sangue. Daniele Severi si trova in carcere dall'8 luglio scorso con le accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere (reato che ricorre anche quando a mancare è una parte anatomica del corpo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terminato l'esame ai fini investigativi del corpo di Severi: dopo oltre 4 mesi dall'omicidio fissati i funerali

ForlìToday è in caricamento