menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Foreste Casentinesi, adattamento ai cambiamenti climatici: dal Ministero dell'Ambiente oltre 2,6 milioni di euro per investimenti

Le modifiche al progetto originale sono state approvate dal consiglio direttivo del Parco nazionale nella seduta di mercoledì

Arrivano dal Ministero dell'Ambiente oltre 2,6 milioni di euro per il Parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna da impiegare in investimenti sulla mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici. Il ministero, nell'ampio programma di attuazione della Direttiva, aveva pubblicato nel giugno scorso, un "invito a presentare proposte progettuali" da parte dei parchi nazionali. La direttiva della Comunità Europea 29/2009 contiene misure economiche che incoraggiano la riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra e l'adattamento agli impatti del "climate change". 

Le tipologie di intervento ammissibili sono quelle rivolte al contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici, all'ottimizzazione della gestione dell'energia all'interno del patrimonio immobiliare del Parco, alla predisposizione di impianti generatori da fonte rinnovabile di piccola dimensione, alla realizzazione di servizi e infrastrutture di mobilità che mirino all'emancipazione dal combustibile di matrice fossile e all'articolazione di programmi di gestione forestale sostenibile.

Nell'area protetta gli investimenti riguarderanno: la conservazione della funzionalità dei fossi del reticolo idrografico minore, la manutenzione delle opere di consolidamento esistenti con tecniche di ingegneria naturalistica, la realizzazione di lavori per il contrasto di fenomeni erosivi e franosi sul territorio, il risparmio energetico, il miglioramento di almeno due classi di efficienza energetica di alcuni edifici di proprietà dell'ente di gestione, la creazione di una rete di aree di sosta riservate alla sharing mobility, la sostituzione di un automezzo con un modello ibrido, l'acquisto di due autobus bimodali per creare un servizio di trasporto pubblico e favorire l’accessibilità, l'incremento della resistenza agli incendi boschivi e il miglioramento della qualità ecologica dei soprassuoli. Le modifiche al progetto originale sono state approvate dal consiglio direttivo del Parco nazionale nella seduta di mercoledì. Tutti gli interventi finanziati dovranno concludersi entro cinque anni dal trasferimento delle risorse.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento