Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Sit-in ambientalista, l'aeroporto spiega il suo impegno ecologico: "E nei prossimi mesi inversione della pista"

La società ha presentato un elenco delle principali attività già implementate e di quelle che saranno realizzate nel breve periodo

"Fin dalla sua nascita Fa Srl è particolarmente sensibile ai temi di sostenibilità ambientale e sociale, un obiettivo che sta raggiungendo grazie ad importanti investimenti". Così la società che gestisce l'aeroporto "Ridolfi" di Forlì risponde alle associazioni ambientaliste, che venerdì pomeriggio, in occasione della ripresa dell'attività commerciale, hanno organizzato un presidio. La società ha presentato un elenco delle principali attività già implementate e di quelle che saranno realizzate nel breve periodo.

Pista e scarichi aerei

A fronte della futura protesta la società di gestione, che proprio in questi giorni sta vedendo la ripresa delle attività con i collegamenti con la Sicilia spiega che "alcune attività sono già implementate e quelle che saranno realizzate nel breve periodo". Tema particolarmente discusso è quello dell'inversione pista d’atterraggio, di cui viene confermata l'inversione: "È prevista nei prossimi mesi l’inversione della pista di atterraggio a 180 gradi: gli aerei arriveranno quindi da Bertinoro e al decollo la stessa direzione". In merito agli studi per ridurre l’inquinamento degli scarichi, Fa comunica di aver "avviato una collaborazione con una importante azienda internazionale per lo studio di motori elettrici per gli aerei e per i droni con la finalità di ridurre l’inquinamento degli scarichi emessi dai motori".

Riciclo dei rifiuti

"L'aeroporto è Plastic Free" in quanto Fa, viene specificato, "ha avviato i progetti per eliminare la plastica per far ottenere all’aeroporto Ridolfi la certificazione ‘plastic free’". In tema di rifiuti, Fa collabora con Alea per il riciclo dei rifiuti, disponendo anche di un sistema di videosorveglianza a protezione dei suoi depositi. Viene inoltre comunicato che "gli investimenti effettuati per l’innovazione tecnologica che ha informatizzato la totalità delle procedure, ha consentito ad Fa di ridurre l’utilizzo della carta dell’80%. Tutte le procedure del gestore e dell’handling sono già completamente paperless".

Tecnologie

Per quanto riguarda l'efficientamento energetico, sottolinea Fa, "l’aeroporto è stato dotato di luci led dimerabili monitorate e gestite con una puntuale domotica che le attiva, disattiva e regola basandosi sui parametri di presenza e quantità di luce filtrata dall’esterno. L’impianto, già in funzione, è installato in tutto il sedime aeroportuale". Inoltre nell’area esterna all’aeroporto verranno posizionate colonnine di ricarica elettrica per auto, biciclette e moto che potranno essere utilizzate anche dai cittadini. Inoltre il parco mezzo dedicati ai servizi di assistenza agli aeromobili è in parte elettrico: in programma c’è la completa conversione all’elettrico.

Capitolo "indipendenza energetica ed energie rinnovabili": "l’aeroporto sarà dotato di un sistema fotovoltaico al fine di ottenere l’indipendenza energetica". La società Fa comunica inoltre che sta valutando "la possibilità di creare Comunità Energetiche per condividere l’utilizzo della eventuale energia prodotta in eccesso". Viene inoltre ricordata la collaborazione con l’Università di Bologna: Fa finanzierà borse di studio agli studenti dell’Università di Bologna iscritti alla facoltà di Ingegneria Ambientale con l’obiettivo di realizzare tesi riguardanti la riduzione dell’inquinamento acustico e ambientale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit-in ambientalista, l'aeroporto spiega il suo impegno ecologico: "E nei prossimi mesi inversione della pista"

ForlìToday è in caricamento