Neve e freddo, apre in via straordinaria la sala d'attesa della stazione ferroviaria

Da martedì sera verrà tenuta aperta in orario notturno la sala d'attesa della Stazione di Forlì, dove saranno ospitati i senza fissa dimora

S'intensifica il freddo in città. E l'amministrazione comunale di Forlì, in accordo con le Ferrovie dello Stato, vara il piano straordinario per le persone che si trovano in condizioni di estrema povertà. Da martedì sera verrà tenuta aperta in orario notturno la sala d'attesa della Stazione di Forlì, dove saranno ospitati i senza fissa dimora. La sala d'attesa, un riparo sicuro per la prima accoglienza, e i bagni della Stazione Ferroviaria di Forlì rimarranno quindi aperti per i prossimi sette giorni, prorogabili in base all'andamento climatico e al bisogno rilevato, ampliando la fascia oraria di apertura dalle 20 alle 6 del mattino, in favore anche dei passeggeri di RFI che si dovessero trovare ad averne necessità. Il Comune ringrazia per la disponibilità "RFI Rete Ferroviaria Italiana, la protezione Civile di Forlì e le Associazioni di Volontariato locali". Viene ricordato che "da oltre dieci anni il Comune di Forlì attiva, ogni inverno, un piano freddo" per le persone in difficoltà.

Potrebbe interessarti

  • Pulizie approfondite in bagno? Scopri come avere un box doccia splendente

  • Liberati delle formiche con questi rimedi naturali

  • Romagna imperdibile: 4 borghi medievali da scoprire

  • I 6 alimenti estivi per contrastare afa e caldo

I più letti della settimana

  • Bimbo annegato a Mirabilandia, le telecamere riprendono la scena. S'indaga per omicidio colposo

  • La Regione torna ad assumere: 1.300 posti di lavoro da riempire, al via i concorsi

  • Ha lottato contro una terribile malattia: lo sport forlivese piange Riccardo Turoni

  • L'estremo saluto a Edoardo, morto a 4 anni: una bara bianca in spalla e un lungo applauso

  • "L'unico amore della mia vita": il ricordo straziante del nonno del piccolo Edoardo

  • Bimbo annegato a Mirabilandia, lo sgomento: "Ero vicino a noi a giocare, che brutto destino"

Torna su
ForlìToday è in caricamento