menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Forlì-Cesena oltre 300 associazioni di volontariato

Ricorre quest'anno l'Anno europeo del volontariato e nel territorio di Forlì-Cesena la celebrazione dell'importante appuntamento si realizza nelle Giornate provinciali del volontariato

Ricorre quest’anno l’Anno europeo del volontariato e nel territorio di Forlì-Cesena la celebrazione dell’importante appuntamento si realizza nelle Giornate provinciali del volontariato , che si terranno giovedì 29 settembre e nel weekend dell’1 e 2 ottobre, a Forlì, a Cesena e a Modigliana. L’Unione Europea ha stabilito che il 2011 sia dedicato al mondo del volontariato, come riconoscimento per le milioni di persone che si impegnano a favore del prossimo nella completa gratuità e dedizione all’altro. A Forlì-Cesena sono 316 le associazioni che si dedicano al prossimo
 
Sull’onda della convinzione che i volontari realmente fanno la differenza, il Centro servizi del volontariato, in collaborazione con la Provincia di Forlì-Cesena, ha organizzato la proposta di tre giornate provinciali sul volontariato, per riflettere sui valori, per pensare ad un sistema di welfare attento alle esigenze dei più deboli, per incontrare la cittadinanza ed essere di stimolo per chi ancora non è impegnato a favore del prossimo.
 
Il mondo del volontariato nel territorio di Forlì-Cesena

Illustra il quadro del volontariato nel territorio di Forlì-Cesena il vicepresidente della Provincia Guglielmo Russo: “Le organizzazioni di volontariato iscritte nel registro provinciale sono, al 15 settembre, complessivamente 316, di cui 177 nel comprensorio forlivese e 139 nel comprensorio cesenate. Il numero dei soci iscritti è di 53.918, un cittadino della provincia su sette, mentre il numero dei soci attivamente impegnati ammonta a 8.796. Le aree di maggior impegno dei volontari sono quelle socio-assistenziali e sanitario. La dedizione di queste migliaia di persone è un patrimonio straordinario di questa terra e un aiuto fondamentale alle istituzioni per la conservazione del benessere e del mantenimento della coesione sociale del territorio”.
 
In particolare, questi sono gli ambiti di attività prevalente: socio-assistenziale 104 associazioni, sanitario 72, tutela e promozione dei diritti  47, tutela e valorizzazione patrimonio ambientale 13, attività educative 30, attività culturali e di tutela e valorizzazione dei beni culturali 11, protezione civile 36, educazione alla pratica sportiva e attività ricreative 2, centro di servizi per la promozione del volontariato 1. I soci sono così suddivisi, tra i due comprensori, 24.428 totali e 4.200 attivi nel Forlivese; 29.490 totali e 4.603 attivi nel Cesenate. Infine, tra le 316 associazioni ve ne sono 2 di secondo livello, ossia associazioni costituite come organismi di coordinamento e collegamento di altre associazioni, quali l’ Associazione interprovinciale per la promozione del volontariato (Ass.I.Pro.V.) e il Coordinamento provinciale del volontariato di protezione civile ai quali aderiscono rispettivamente 113 e 30 associazioni.
 
Alle organizzazioni del volontariato si affiancano le cosiddette associazioni di promozione sociale, anch’esse composte da volontari, ma con attività non diretta ad un soggetto terzo svantaggiato, con scopi prevalentemente culturali, ricreativi e sportivi. Iscritte al registro provinciale sono, al 15 settembre 2011, complessivamente 334, di cui 43 Pro-Loco (152 associazioni fanno parte del circondario di Cesena, mentre 139 fanno parte del circondario di Forlì). Per quanto concerne le 43 Pro-Loco, 21 fanno parte del circondario di Cesena, mentre 22 fanno parte del circondario di Forlì (in gran parte, 40 Pro-Loco, hanno la propria sede in località collinari o montane). Il numero dei soci iscritti nelle 291 associazioni di promozione sociale (escluse le Pro-Loco) è di 112.805 mentre il numero dei soci attivamente impegnati ammonta a 14.711 (di cui nel comprensorio cesenate rispettivamente 49.403 totali e 8.329 soci attivi; e nel comprensorio forlivese 63.402 totali e 6.382 attivi.
 
Il programma delle Giornate provinciali del volontariato
Nella giornata di giovedì 29 settembre si svolgerà  il convegno di livello nazionale “Il ruolo del volontariato nel nuovo welfare - Il volontariato… fa la differenza!”. Sarà l’occasione per riflettere sulle tematiche della comunità e del volontariato, oltre che alle sfide dei prossimi anni. Il convegno si svolgerà a Forlì alle 20.30 nell’Auditorium Cassa dei Risparmi Forlì, in via Flavio Biondo 16. Questi i relatori: dopo i saluti e le introduzioni di Angelo Trovato, prefetto di Forlì-Cesena, Giancarlo Biserna, vicesindaco di Forlì, e Gilberto Bagnoli , presidente di Ass.I.Pro.V., prenderanno la parola Nello Musumeci, sottosegretario di stato del Lavoro e delle politiche sociali; Paola Binetti, deputato e membro della XII commissione parlamentare Affari sociali;  Antonio Miglio, vicepresidente ACRI (Ass. Casse di risparmio italiane); Edoardo Patriarca dell’Agenzia nazionale   terzo settore, Piergiuseppe Dolcini, presidente della Fondazione cassa di risparmio di Forlì e Guglielmo Russo, vicepresidente della Provincia di Forlì-Cesena. Conduce Antonio Farnè, giornalista della Rai.
 
Successivamente, nella mattinata di sabato 1° ottobre si terrà a Cesena un convegno di testimonianze sul volontariato europeo, dal titolo “Giovani e volontariato europeo: esperienze, possibilità, riflessioni”. E' prevista  negli ambienti che ospiterà il convegno una mostra fotografica sui temi legati al volontariato, junior e senior. In questa occasione, inoltre, sarà lanciato il concorso indirizzato alle scuole superiori di tutta la Provincia sul tema “Uno slogan per il volontariato”: parteciperanno una decina di classi degli  istituti superiori della città (circa 250 ragazzi), oltre ad associazioni di volontariato e altri interessati. Il convegno si terrà dalle 9,30 alle 12,30 presso l’aula C della facoltà di Psicologia di Cesena (piazza Aldo Moro 90). Si parte col saluto delle autorità: Paolo Lucchi, sindaco di Cesena; Maria Elena Baredi, assessore all’Istruzione e cultura del Comune di Cesena, Laura Bianconi, senatrice della Repubblica, Raffaella Alessandrini, dirigente Ufficio scolastico provinciale e Bruno Piraccini, presidente della Fondazione CR Cesena. La relazione introduttiva sarà a cura di Gilberto Graffieti, presidente del Comitato paritetico del volontariato provinciale. Seguirà la rassegna delle esperienze di volontariato europeo della Coop. Kara Bobowski,   del Consorzio Solidarietà Sociale e di Uniser. Chiudono l’evento ulteriori interventi a cura di  Marco Sermarini, presidente dell’associazione "Beato Pier Giorgio Frassati" di Ascoli Piceno, e di Mario Dupuis, presidente del gruppo Edimar di Padova. Le conclusioni sono affidate al mons. Douglas Regattieri, vescovo della Diocesi di Cesena-Sarsina. Conduce Arturo Alberti, presidente Fondazione Romagna Solidale.
 
Ai momenti di riflessione saranno affiancate iniziative di piazza, per portare i tanti volontari del territorio in mezzo alla cittadinanza. La giornata di domenica 2 ottobre 2011 sarà interamente dedicata a rendere visibile le attività del volontariato nei diversi Comuni della provincia. Le associazioni di volontariato organizzeranno momenti di incontro con i cittadini (con banchetti espositivi nelle piazze o con incontri pubblici) con cui farsi conoscere e promuovere l’associazionismo e le attività del  no profit. Infine, in tre località, dalle piazza principali partiranno i cortei delle associazioni, arricchiti dai gonfaloni, dagli striscioni e dagli stemmi di ciascuna.

 
A Forlì il corteo avrà come destinazione il palazzo della Prefettura. Alle 16, al Parco urbano, si terrà la festa del volontariato e verrà inaugurato il nuovo automezzo di Assiprov, acquistato grazie al contributo della Fondazione cassa dei risparmi di Forlì. Si tratta di un Fiat Doblò, attrezzato al trasporto di persone con disabilità motoria, che verrà messo a disposizione delle associazioni di volontariato. Sono previste testimonianze e proiezioni di video su  esperienze  di volontariato internazionale. A Cesena, il corteo raggiungerà la residenza municipale e dalle 14,30 alle 19,30 in piazza del Popolo sarà lanciato il concorso per le scuole superiori “Uno slogan per il volontariato”. Infine a Modigliana, sono previsti banchetti espositivi delle diverse realtà di volontariato e associative della zona.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento