menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studente si disfa della coca e tenta di fuggire dai Carabinieri

carabinieri del Nor di Forlì, guidati dal capitano Cristiano Marella, nella tarda serata di sabato, in piazza Saffi a Forlì, durante uno specifico servizio "antidegrado", hanno notato un giovane straniero

I carabinieri del Nor di Forlì, guidati dal capitano Cristiano Marella, nella tarda serata di sabato, in piazza Saffi a Forlì, durante uno specifico servizio “antidegrado”, hanno notato un giovane straniero che frettolosamente e con atteggiamento circospetto attraversava a piedi la piazza in direzione dei loggiati. I militari, intenti a controllare altri extracomunitari presenti in piazza, insospettiti, sia dall’atteggiamento, sia dalla velocità con la quale il giovane camminava, hanno deciso di avvicinarlo per identificarlo e procedere ad un controllo di routine.

Il ragazzo, accortosi dell’arrivo dei carabinieri, ha velocizzato ulteriormente l’andatura, raggiungendo il loggiato della piazza di corsa e tentando di confondersi tra altre persone. I militari hanno fermato la macchina ed il giovane ha tentato di entrare nella pizzeria Sole, che aveva ormai spento le luci ed era chiusa al pubblico. I carabinieri hanno notato che si era disfatto di qualcosa, facendo un vistoso movimento con un braccio.

C.M., marocchino classe 1991, studente, residente a Forlì. Quando gli è stato chiesto se avesse con sé qualcosa di illegale, ha risposto più volte di non avere nulla, dichiarando insistentemente che stava osservando il ramadan e che quindi assolutamente non poteva fumare, nè bere, tanto meno assumere qualsiasi altro tipo di sostanza stupefacente. Il giovane, a quel punto, chiedeva di poter tornare a casa per mangiare, visto che non mangiava dalla sera precedente. I carabinieri decidevano di approfondire il controllo proprio all’interno della pizzeria, facendo accendere al proprietario tutte le luci e ispezionando locale. I militari hanno rinvenuto sul pavimento un involucro cellophanato contenente grammi 5 di cocaina.

Il giovane marocchino ha ammesso la proprietà della droga, “confessando” anche di aver gettato quell’involucro nel locale dopo essersi accorto che i carabinieri lo volevano controllare. A seguito di perquisizione personale addosso gli sono stati trovati 120 euro in contanti, sequestrati poiché ritenuti provento dell’attività di spaccio. Sarà processato per direttissima


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento