menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Squadra Mobile chiude l'ennesimo canale della droga: 2 arresti

Due arresti per droga della Squadra Mobile di Forlì, diretta dal dirigente Claudio Cagnini. In manette sono finiti due incensurati: si tratta di un operaio metalmeccanico 41enne di Cosenza, residente a Sala (Bologna), e di un 33enne di Cassano Dello Ionio

Due arresti per droga della Squadra Mobile di Forlì, diretta dal dirigente Claudio Cagnini. In manette sono finiti due incensurati: si tratta di un operaio metalmeccanico 41enne di Cosenza, residente a Sala (Bologna), e di un 33enne di Cassano Dello Ionio, colpiti da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare di cocaina, tra l'ottobre del 2012 e lo scorso marzo. Le indagini sono partite in seguito alle rivelazioni di una 40enne.

La donna, arrestata il 3 gennaio scorso dopo esser stata trovata con 9 grammi di cocaina divisi in dosi, aveva ricostruito un po' il canale che portava la droga a Forlì. In questo modo il 9 marzo scorso si è arrivati all'arresto di B.G., anche lui di Cassano dello Ionio, coinvolto nel procedimento giudiziario relativo al crack del gruppo D'Elia, guidato dall'imprenditore Salvatore D'Elia.

Gli inquirenti hanno scoperto che il 41enne era il fornitore sia di B.G. che del 33enne. Giovedì mattina è stato lo stesso operaio ad indicare dove nascondeva la droga, 180 grammi di marijuana suddivisi in 4 involucri di hashish. Per questo motivo è scattato anche l'arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento