menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oltre 60 alias in due, ladre 'itineranti' in manette dopo fallito furto in un'abitazione

Per tutte è scattata l'accusa di tentato furto aggravato in concorso, con l'aggravante per le due maggiorenni, di aver agito con una minorenne

Tre nomadi bloccate dagli agenti della Volante della Questura di Forlì dopo un tentato furto in un'abitazione. L'episodio si è consumato martedì pomeriggio in un condominio in via Santarelli. Nel mirino è finito l'appartamento di una donna: a chiedere l'intervento del 113 è stato il convivente della figlia della donna, quando ha ricevuto sul telefonino l'avviso di allarme. Giunto sul posto, ha trovato nel pianerottolo il cagnolino della cinquantenne e due delle tre nomadi, una minorenne ed un'altra incinta.

Alla vista degli uomini in divisa, una delle tre ha gettato qualcosa nella fioriera. Si trattava di una lamina di plastica, ritagliata da una bottiglia di detersivo, utilizzata per forzare la serratura d'ingresso. A facilitare le ladre il fatto che la porta era stata chiusa senza mandate. Accompagnate negli uffici di corso Garibaldi, hanno ammesso le loro responsabilità.

Per tutte è scattata l'accusa di tentato furto aggravato in concorso, con l'aggravante per le due maggiorenni, di aver agito con una minorenne. Ma dagli accertamenti è emerso ben altro. La donna incinta, 32enne con un passaporto serbo, era stata già più volte arrestata in passato con la stessa accusa e vantava una ventina di alias. La complice, 27 anni, con una carta d'identità croata fasulla, oltre che avere una quarantina di nomi falsi, aveva evaso gli arresti domiciliari, dove si trovava detenuta a Firenze.

Per quest'ultima l'accusa è di evasione e false generalità. La minorenne ha dichiarato di aver 12 anni, ma attraverso uno screening delle ossa all'ospedale è risultata esser sedicenne, quindi perseguibile penalmente. La ragazzina è stata associata ad un centro di prima accoglienza a Bologna. Del caso se ne è occupato il sostituto procuratore Antonio Vincenzo Bartolozzi. In libertà la donna incinta per il suo stato interessante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento