menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Razzia di lamette, preso il pendolare dei furti con la borsa schermata

Pendolare dei furti nei centri commerciali nella rete dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Forlì, diretti dal capitano Cristiano Marella

Pendolare dei furti nei centri commerciali nella rete dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Forlì, diretti dal capitano Cristiano Marella. In manette sabato pomeriggio è finito un romeno di 26 anni, Costel Catalin Stanciu, già arrestato il 12 marzo scorso per un furto di tre televisori a Terni e denunciato a piede libero due settimane più tardi a Fano per aver rubato dei capi d’abbigliamento con la diavoleria della borsa schermata.



Anche questa volta il 26enne si è servito di una borsa schermata di ben cinque strati di stagnola inseriti nel sottile spessore della sporta stessa per rubare ben 61 confezioni di lamette da barba “Gillette Mach 3” e “Gillette Mach 3 Turbo”. Il furto è stato consumato al “Conad Leclerc” del centro commerciale “Puntadiferro”. A chiedere l’intervento dei militari è stato il personale addetto alla sicurezza, che con le telecamere di videosorveglianza hanno sorpreso il giovane aggirarsi con fare sospetto insieme ad un complice tra gli scaffali del reparto profumeria.

I malviventi, per non destare troppo nell’occhio, ad un certo punto si sono separati, controllandosi a vista. Uno ha guadagnato rapidamente l’uscita, mentre l’altro, con la refurtiva occultata nella borsa, ha prima finto di fare la fila, poi si è allontanato. Ma ad attenderlo all’esterno vi erano i vigilantes ed i carabinieri. La refurtiva, per un valore di circa 1500 euro, è stata recuperata e sequestrata in attesa di esser restituita all’avente diritto.

Il giudice ha convalidato l’arresto e disposto il carcere per il 26enne in attesa del processo per direttissima. Il complice è uccel di bosco, ma gli uomini dell’Arma contano di catturarlo a breve. I malviventi sempre più fatto ricorso all’escamotage della borsa schermata per eludere i sistemi antitaccheggio. Nel caso specifico i ladri hanno lavorato di fino, trasformando una borsa di carta con il disegno di due angioletti in un’autentica arma per farsi beffa dei dispositivi elettronici.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento