menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nelle boutique d’alta moda la Finanza trova borse 'replica'

Le pattuglie hanno controllato oltre 100 esercizi ed attività commerciali, scoprendo 35 violazioni per il mancato rilascio dello scontrino ed al sequestro di merce contraffatta

Saldi, ma senza scontrino fiscale. Da inizio gennaio la Guardia di Finanza della Compagnia di Forlì ha intensificato i controlli nei negozi per quanto concerne i prezzi, la contraffazione e ll’emissione dello scontrino fiscale a contrasto dell’evasione fiscale e per la tutela dei consumatori. Le pattuglie hanno controllato oltre 100 esercizi ed attività commerciali, scoprendo 35 violazioni per il mancato rilascio dello scontrino ed al sequestro di merce contraffatta.

Le Fiamme Gialle hanno trovato borse simili a case d'alta moda, perfette sotto il profilo qualitativo (confermato dal perito che ha visionato direttamente il materiale), realizzate a mano e vendute in alcune boutiques. I prezzi di vendita erano allo stesso livello, infatti gli accessori venivano venduti ad una cifra che oscillava tra 600 e 4mila euro (quelli originali  vanno da 4.000 a 30mila euro). Non avevano la griffe della casa, che comunque detiene il brevetto relativo alla forma e al modello, nonché il particolare meccanismo di chiusura.

I modelli esposti nelle vetrine erano perfette repliche di ottima manifattura, con i cartellini che riportavano il prezzo con lo stesso nome del modello originale. Grazie all’analisi dei documenti amministrativi/fiscali si è risaliti al produttore, un artigiano del parmense. Dopo una perquisizione nel laboratorio di quest’ultimo sono state sequestrate ltre borse e materiale utilizzato per la loro produzione oltre a 14 fustelle per la forma ed il taglio delle pelli.

 
Il bilancio dell'operazione ha portato al sequestro di 43 borse,  176 accessori per il loro confezionamento (sistemi di chiusura, fibbie  e 600 “depliants” illustrativi del detentore del brevetto) per un valore complessivo di mercato intorno ai 60mila (al prezzo di vendita dei beni contraffatti). Sono state denunciate due persone per detenzione vendita e produzione di beni contraffatti. Sul fronte dell’evasione, sono state avanzate 3 proposte per la chiusura  di altrettanti esercizi con riferimento alla reiterata mancata emissione dello scontrino fiscale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento