La Guardia di Finanza scopre saldi "tarocchi"

Complessivamente sono state controllate 28 attività commerciali, con la constatazione di due irregolarità relative alla disciplina dei prezzi, con sanzione amministrativa fino ad 3.098 euro

A gennaio arrivano i saldi e quest’anno, forse più degli anni scorsi, molti consumatori li attendevano convinti della possibilità di avere a disposizione uno strumento per difendersi dalla “crisi”, uno strumento che  consentisse un risparmio effettivo sugli acquisti. Proprio per la tutela del consumatore e del mercato, in quest’ottica, la Guardia di Fiinanza ha predisposto controlli nello specifico settore della disciplina del commercio dei beni e servizi, oltre a quelli sull’emissione degli scontrini fiscali per la lotta all’evasione fiscale.

E IL PREZZO PER MAGIA AUMENTA - L’attività ha portato alla scoperta di alcuni esercenti che, in occasione dei saldi, hanno aumentato i prezzi rispetto a quelli normali di vendita, applicando così uno sconto fittizio rispetto a quello reale, inducendo in errore il cliente convinto di aggiudicarsi un bene ad un prezzo da vero affare. In realtà gli interventi specifici delle Fiamme Gialle, sono iniziati ben prima dell’avvio delle vendite di fine stagione, attraverso mirati controlli dei prezzi normali di vendita dei beni di largo consumo, effettuati nel corso della normale attività di servizio, che hanno permesso di accertare i prezzi normalmente riportati sia sui prodotti esposti in vetrina sia su quelli all’interno dei locali. In pratica, i finanzieri fotografavano le etichette della merce esposta in cui era riportato il prezzo di vendita.

SALDI "TAROCCATI" - Al termine della giornata “clou” di inizio dei saldi, i finanzieri hanno accertato violazioni amministrative commesse da alcuni esercenti l’attività di commercio di abbigliamento, calzature ed accessori che avevano esposto in vetrina prodotti con un prezzo iniziale maggiore rispetto a quello normalmente praticato prima del saldo e già fotografato dai finanzieri, evidenziando uno sconto fittizio (più alto) in danno del consumatore.  In pratica, ad esempio, un capo d’abbigliamento che risultava scontato del 40% era in realtà scontato solo al 20%, in quanto il prezzo originario ed esposto su etichetta su cui applicare la percentuale di sconto era stato aumentato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RISULTATI - Complessivamente sono state controllate 28 attività commerciali, con la constatazione di due irregolarità relative alla disciplina dei prezzi, con sanzione amministrativa fino ad 3.098 euro. La somma verrà versata al Comune dove ha sede l’attività commerciale. Accertate anche 12 irregolarità relative alla mancata emissione di scontrini fiscali. Le irregolarità sono state constatate nei confronti di  negozi operanti all’interno di Centri Commerciali. I controlli, annuncia la Finanza, proseguiranno per tutto il periodo dei saldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

  • Sfuriata ventosa in serata: crollano diversi alberi, serie di interventi dei Vigili del Fuoco

Torna su
ForlìToday è in caricamento