rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Solidarietà

Forlì si conferma per il quarto anno consecutivo "Capitale Italiana del Respiro"

L'edizione 2022 di Sharing Breath (la quarta dopo quelle del 2019, 2020 e 2021) si chiude con un bilancio estremamente positivo

Forlì si è confermata per il quarto anno consecutivo "Capitale Italiana del Respiro" grazie alla Giornata del Respiro, alla Cena del Respiro, alla Piazza del respiro, al Memorial "Paolo Ballelli" e allo spettacolo No(t)te di Respiri. La kermesse va visto una grande partecipazione alla manifestazione ideata da Luca Bollini, Luca Coralli, Matteo Buccioli con la collaborazione del maestro Marco Sabiu e organizzata e promossa da Associazione Morgagni Malattie Polmonari e dal Comune di Forlì, in collaborazione con con l’Unità Operativa di Pneumologia dell’ospedale Morgagni-Pierantoni dell'Ausl Romagna, di cui è direttore il professor Venerino Poletti.

Forlì si conferma per il quarto anno consecutivo "Capitale Italiana del Respiro"

"La Ricerca Scientifica - sottolinea Poletti - è strumento fondamentale per garantire progressi nelle cure a favore dei pazienti. Per questo è importante continuare a organizzare seminari con esperti nazionali per i pazienti come la Giornata del Respiro e sensibilizzare l'opinione pubblica su queste patologie. Un grazie alla Città di Forlì per la grande presenza e per tutto il calore dimostrato durante tutta la manifestazione". "Due giornate importanti - dichiara Buccioli - che hanno posto l'attenzione sulle problematiche dei pazienti con patologie polmonari. Anche quest'anno Sharing Breath è stato realizzato principalmente grazie all'impegno di tutti i volontari, degli enti locali e di coloro che hanno deciso di sostenere questo progetto. Forlì è Capitale Italiana del Respiro, un onore e una responsabilità che vogliamo portare avanti insieme al Comune di Forlì che dall'inizio ha reso possibile e sostenuto questa manifestazione di solidarietà".

Con l'intento di porre l'accento su Ricerca Scientifica e Patologie Rare Polmonari, la Giornata del Respiro è stata dedicata ai pazienti, ai loro familiari e a tutto il mondo delle associazioni, con un programma che ha previsto interventi di esperti medici da tutta Italia, testimonianze di pazienti affetti da patologie rare o trapiantati e presidenti delle Associazioni di riferimento.
Vi hanno preso parte tra gli altri il professor Carlo Vancheri, professore ordinario di Malattie Respiratorie - Università di Catania, il professor Andrea Dell’Amore, Chirurgia Toracica Azienda Ospedaliera Universitaria Padova, il dottor Gabriele Cortellini in rappresentanza di Aaito, la dottoressa Francesca Marinangeli, ricercatrice del Crea, Amar Perugia, la dottoressa Claudia Ravaglia dell'unità operativa di Pneumologia di Forlì e i presidenti delle Associazioni di volontariato tra cui Ammp, olontaromagna, Amar Perugia, Aaito, Lega Italiana Fibrosi Cistica, FIimarp onlus, Unione Trapiantati Polmone Padova e Insieme per il Respiro.

Nella serata di venerdì, nella suggestiva cornice del Chiostro dell'Abbazia di San Mercuriale, si è svolta la Cena del Respiro con vista su Piazza Saffi, dove si stavano completando i lavori di montaggio del grande palco per lo spettacolo di sabato sera. La cena ha ottenuto un grande successo di presenze. Oltre 300 sono stati gli ospiti e le autorità tra cui il sindaco Gian Luca Zattini, il vescovo Livio Corazza, il prefetto Antonio Corona e il questore Lucio Aprile che hanno voluto partecipare. Molti di loro sono stati intervistati al centro del chiostro da Marco Viroli che ha condotto brillantemente la serata.

I fondi raccolti verranno destinati alla creazione di una Borsa di Studio nell'ambito del Progetto Nazionale del Registro Nazionale delle Malattie Rare Respiratorie, promosso dalla Federazione Italiana Ipf e Malattie Rare Polmonari in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità". La grande cena solidale 2022, nata da un'idea di Michele Amadei e Daniela Bombardi, è stata realizzata grazie al supporto di Joseph Catalano in collaborazione con il Grand Hotel Forlì-Ristorante Tre Corti, l'Istituto Alberghiero "Pellegrino Artusi" Forlimpopoli, Cantine Forlì-Predappio, Pasticceria 900 Castrocaro e Nolo Carpena.

La mattina di sabato, alle 10, in Piazza Saffi, l'assessore del Comune di Forlì Paola Casara ha inaugurato la Piazza del Respiro con il classico taglio del nastro. La Piazza del Respiro è stata animata dagli stand con i punti informativi, a partire da quello di Ammp, dove è stato possibile effettuare test gratuiti del cammino (walking test) e di spirometria. Oltre alle simpatiche sfide a biliardino con i rappresentanti dell'Associazione Sportiva Ferrari F1 Solidarietà, protagonisti della Piazza del Respiro sono state le tante associazioni nazionali che sostengono il progetto Sharing Breath e le attività impegnate nella sensibilizzazione sull'importanza del Respiro e della prevenzione delle Malattie Polmonari tramite attività fisica e sano e corretto stile di vita.

Nel pomeriggio di sabato, presso l'antistadio dello Stadio "Tullo Morgagni" di Forlì, si è tenuto il Secondo “Memorial Paolo Ballelli”. Il quadrangolare di calcio, a eliminazione diretta con due tempi da 20 minuti a partita, ha visto sfidarsi in campo l'Associazione Sportiva Ferrari F1 Solidarietà, la squadra dei Lasciami Correre nata (nel ricordo di Guido Passini), una rappresentativa di professionisti sanitari dell’ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì con la presenza straordinaria del direttore Paolo Masperi  e la squadra Selezione del Siulp – primo sindacato di Polizia in Italia – Segreteria di Ravenna e Forlì. Prima dell'inizio del mini torneo è stato protagonista e testimonial il grande Francesco "Ciccio" Graziani (Campione del Mondo con la nazionale italiana di calcio nel 1982) a cui sono state consegnate una targa (dal Club Granata Forlì), una maglia del Forlì col numero 19 (dal Forlì Calcio) e la maglia ricordo di Sharing Breath 2022. Ad aprire l'evento è stato il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini che ha portato un messaggio a nome di tutta l'Amministrazione comunale sottolineando l'importanza della manifestazione e come la malattia possa essere combattuta anche con la pratica sportiva, lanciando un messaggio positivo ai giovani attraverso l'esempio dato dagli atleti in campo. Due sono state le terne arbitrali coinvolte: una di CSAIn FC, l'altra di CSI FC. Dopo quattro incontri molto combattuti il torneo ha visto trionfare la rappresentativa dei Lasciami Correre che in finale ha battuto la squadra dell'Ass. Ferrari F1 Solidale per 3 a 2. Al terzo posto si è piazzata la squadra del Siulp che ha sconfitto nella finalina di consolazione la compagine del Morgagni-Pierantoni. Durante la premiazione, alla quale ha partecipato anche la famiglia di Paolo Ballelli, è stata ricordata la figura del compianto Gaetano Foggetti, recentemente scomparso, giornalista e uomo da sempre impegnato nel sociale e nel solidale. Le coppe e le medaglie sono state consegnate da Manuela Russo, referente di Csain Forlì Cesena e Vice Presidente regionale.

Il programma di Sharing Breath 2022 si è concluso sul grande palco allestito in Piazza Saffi. A partire dalle ore 20.30, è iniziata l'ormai  classica "No(t)te di Respiri. Anche quest'anno la direzione artistica della serata è stata curata da Luca Bollini e Luca Coralli. Al salotto introduttivo hanno preso parte autorità ed esponenti del mondo scientifico. Al termine del salotto il sindaco di Forlì ha consegnato a Michele Migliaccio (Scuola Primaria Statale “Gianni Rodari" di Bentivoglio), giovanissimo vincitore di appena sette anni, il Premio del Concorso “Sharing Breath 2022: Questo è il mio Respiro”, a cui hanno partecipato gli studenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado. Come ogni anno, ad avviare lo spettacolo vero e proprio della No(t)te di Respiri è stato il Maestro Marco Sabiu che ha chiesto al pubblico di alzarsi in piedi per il "BreatheTogether", il minuto di respiro consapevole per tutto il mondo, dedicato ai pazienti affetti da patologie dell’apparato respiratorio. Lo stesso Sabiu ha poi eseguito alle tastiere due brani strumentali di sua composizione. Ospite a sorpresa della serata è stato il prefetto di Forlì-Cesena, Antonio Corona, che ha cantato dal vivo "Confortably Numb", un classico dei Pink Floyd. A seguire gli attori Beatrice Buffadini e Mattia Filippelli hanno interpretato un toccante testo di Luca Bollini dal titolo "L'acchiapparespiri", alternando le parte recitate con gli interventi musicali della band degli Equ, guidata da Gabriele Graziani e Vanni Crociani.

A chiudere in bellezza la serata, di fronte a una Piazza Saffi sempre più gremita di pubblico, in particolare di giovani e giovanissime, sono saliti sul palco i Sonohra, il duo veronese composto dai fratelli Luca e Diego Fainello, vincitori di Sanremo Giovani nel 2008 con il brano "L'Amore". Grazie alle loro sonorità rock e a una grande padronanza del palco, i Sonohra hanno mandato letteralmente in visibilio la piazza forlivese con un concerto in grande stile terminato pochi minuti prima della mezzanotte. Al termine del concerto i saluti finali di tutti e un'ora di selfie e autografi per i Sonohra presi d'assalto dalle fan. L'edizione 2022 di Sharing Breath (la quarta dopo quelle del 2019, 2020 e 2021) si chiude con un bilancio estremamente positivo. Tutte le iniziative proposte hanno ottenuto il massimo della partecipazione e ricevuto grande consensi. L'appuntamento allora è a settembre 2023, per la quinta edizione di Sharing Breath - Forlì capitale Italiana del Respiro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forlì si conferma per il quarto anno consecutivo "Capitale Italiana del Respiro"

ForlìToday è in caricamento