rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Salute

Forlì tiene in forma il suo cuore: in tanti in Piazza Saffi per la giornata di prevenzione cardiovascolare

Tante persone si sono date appuntamento domenica in piazza per la prevenzione cardiovascolare

E anche Forlì tiene in forma il suo cuore. Tante persone si sono date appuntamento domenica in piazza per la prevenzione cardiovascolare. Nel primo pomeriggio è arrivato anche l'assessore regionale alla Salute, Raffaele Donini, che ha ringraziato volontari e professionisti "per un’organizzazione eccellente". All'appuntamento erano tra gli altri presenti Marcello Galvani, direttore dell’Unità operativa di Cardiologia, e il direttore dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni", Paolo Masperi. 

“Tieni in forma il tuo cuore” è il progetto per la prevenzione del rischio cardiovascolare avviato dalla Regione Emilia-Romagna nel 2021, giunto alla seconda edizione, organizzato in collaborazione con la Fondazione cardiologica Myriam Zito Sacco, l’associazione cardiologica forlivese, il Comune di Forlì e l’Aus Romagna. Già dalla nascita, infatti, l’obiettivo del progetto era quello di diventare un appuntamento annuale in linea con il World Heart Day, che cade il 29 settembre.

"Tieni in forma il tuo cuore", la clinica mobile in Piazza Saffi

Medici ed infermieri si sono dedicati all’interno di una clinica mobile composta da un automezzo attrezzato e gazebo, a diversi tipi di check-up gratuiti tra cui la determinazione dell’assetto lipidico, tramite un semplice prelievo di una goccia di sangue capillare, la rilevazione dei principali parametri vitali, come pressione arteriosa e indice di massa corporea e lo screening della fibrillazione atriale asintomatica. Questi test permettono di calcolare il punteggio di rischio cardiovascolare e valutare la carta del rischio dell’utente attraverso un algoritmo computerizzato. I cardiologi presenti hanno fornito la consulenza necessaria: i soggetti più a rischio saranno invitati a contattare il proprio medico di medicina generale e, in caso di riscontro di patologia, verrà garantita una visita presso la cardiologia di riferimento del territorio.

Oltre ai check up effettuati da medici ed infermieri della Cardiologia forlivese e di altri reparti, sono stati realizzati vari stand, in collaborazione con Istituto romagnolo, operatori del Dipartimento di Sanità Pubblica e del Ser.T. dell'Ausl Romagna  - Forlì, con il supporto delle realtà del terzo setto­re, nei quali venivano fornite informazioni riguardo ai corretti stili di vita (attività fisica, alimentazione sana e stop al fumo). Infine,gli istruttori di rianimazione cardiopolmonare, certifi­cati dall'American Heart Association e volontari del comitato Viva, hanno dato lezioni sull'uso del defibrillatore, mentre sanitari e volontari dell'Associazione Cardiologi­ca Forlivese hanno fornito consigli sulla prevenzione e cura delle malattie cardiovascolari. Durante l'evento sono stati proiettati anche filmati educazio­nali riguardanti corretti stili di vita e il controllo dei fattori di rischio. In Romagna la prossima tappa è prevista per sabato 8 ottobre in Piazza Cavour a Rimini.

I fattori di rischio cardiovascolare e la loro diffusione in Romagna

In Romagna la prevalenza delle malattie cardiovascolari nella popolazione adulta (18-69 anni) è pari al 4,7% (3,8% Forlì, 4% Ravenna, 4.9% Cesena e 5,2% Rimini, quest’ultimo in linea con le stime regionali). Se si considera la popolazione con più di 70 anni, a livello aziendale la prevalenza raggiunge il 32%, valore in linea con quello regionale. Le malattie cardiovascolari sono in gran parte prevenibili, in quanto riconoscono, accanto a fattori di rischio non modificabili (età, sesso e familiarità), anche fattori modificabili, legati a comportamenti e stili di vita, (fumo, alcol, scorretta alimentazione, sedentarietà) spesso a loro volta causa di diabete, obesità, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa.

In Romagna, nella popolazione 18-69 anni di età, il 20% soffre di ipertensione (il 21% degli ipertesi è completamente sedentario, il 45% consuma meno di 3 porzioni di frutta e verdura al giorno e il 69% è in eccesso ponderale); il 31% ha alti livelli di colesterolo nel sangue (tra gli ipercolesterolemici il 16% è completamente sedentario, il 47% consuma meno di 3 porzioni di frutta e verdura e il 56% è in eccesso ponderale; il 4% soffre di diabete (tra questa il 31% fuma sigarette, il 25% ha uno stile di vita sedentario, il 18% consuma alcol in modo potenzialmente rischioso per la salute, il 76% è in eccesso ponderale); il 42% è in eccesso ponderale; il 30% è in sovrappeso e il 12% presenta obesità.

Solo il 12% dei romagnoli mangia giornalmente frutta e verdura a livelli raccomandati (5 o più porzioni); il 27% degli adulti è parzialmente attivo in quanto pratica attività fisica nel tempo libero ma a livelli inferiori di quelli raccomandati dall’OMS, mentre circa 1 adulto su sette (14%) è completamente sedentario (fonte: Profilo di Salute Ausl Romagna 2021 stilato dal Dipartimento di Sanità Pubblica).

I consigli per ridurre il rischio

-Scegli una dieta sana e mantieni il peso ideale. Frutta e verdura: 5 porzioni al giorno, meglio se di colore diverso e di stagione. Farai il pieno di vitamine, fibre, sali minerali ed acqua. Più legumi: Fagioli, piselli, ceci, lenticchie, usali sia freschi che secchi per preparare primi o secondi piatti ed altre preparazioni; sono un’ottima alternativa alle proteine animali. Alterna le fonti proteiche: scegli più volte a settimana il pesce, sia fresco che surgelato, meglio se azzurro e tra le carni prediligi quelle magre come pollo, tacchino e coniglio…è preferibile la cottura alla piastra o al vapore. Preferisci olio extravergine d’oliva per condire i tuoi piatti. Inserisci nella tua alimentazione prodotti integrali ricchi di fibre, come pane, pasta, cereali e farine. Limita il consumo di salumi e formaggi, spesso molto ricchi di grassi e sale. Modera l’assunzione di dolci e di bevande zuccherate. Riduci l’aggiunta di sale nei piatti, per insaporire i tuoi piatti utilizza spezie ed erbe aromatiche. Consuma bevande alcoliche con moderazione e preferibilmente durante i pasti.

-Non è mai troppo tardi per cominciare a muoversi e i benefici iniziano subito. Pratica esercizio fisico in modo regolare e moderato per almeno 30 minuti al giorno; cerca di essere più attivo: scegli la bicicletta invece che la macchina per i piccoli spostamenti, utilizza le scale, passeggia all’aria aperta; considerando il tuo stato di salute, valuta col tuo medico di fiducia se praticare attività più intense, come camminate a passo veloce, nuoto e sport più volte a settimana. Inserisci nella settimana almeno 2 sedute di esercizi muscolari come stretching, yoga, flessioni; stai seduto il meno possibile e ciclicamente prova ad aumentare il livello della tua attività fisica. Smetti di fumare, otterrai benefici immediati. Dopo un anno, il rischio di malattie cardiovascolari si dimezza e progressivamente si riduce negli anni successivi. È dannoso sia il fumo attivo che quello passivo.

- Controlla regolarmente e presta attenzione a: una pressione arteriosa superiore a 140/90 mm Hg; un valore di glicemia uguale o superiore a 126 mg/dl a digiuno; un valore di “colesterolo cattivo” (LDL) nel sangue superiore al normale range previsto dal laboratorio; un peso corporeo superiore a quello indicato per la tua età e statura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forlì tiene in forma il suo cuore: in tanti in Piazza Saffi per la giornata di prevenzione cardiovascolare

ForlìToday è in caricamento