Forlì tra le quattro sedi in Italia di un Master dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma

Il Master in Counselling Socio-Educativo è biennale e superato l’esame finale consente l’acquisizione del titolo di Counsellor di Base e l’accesso al terzo anno di specializzazione per l’acquisizione del titolo di Counsellor Professionale.

L’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, per iniziativa della Facoltà di Medicina e chirurgia “A. Gemelli”, in collaborazione con l’Istituto “Nino Trapani” di Neuroscienze e Gestalt e alla cooperativa educativa Kaleidos, istituisce per l’anno accademico 2019/20 il Master universitario di primo livello in Counselling Socio-Educativo. Tra le altre sedi (Siracusa, Roma e Treviso), il master verrà attivato anche a Forlì nella sede del seminario diocesano, in via Lunga 47. Il Master in Counselling Socio-Educativo è biennale e superato l’esame finale consente l’acquisizione del titolo di Counsellor di Base e l’accesso al terzo anno di specializzazione per l’acquisizione del titolo di Counsellor Professionale.

Si terranno 4 moduli didattici di tre giorni: per il 2020 uno al mese, da gennaio ad aprile; nel 2021 uno ogni due mesi. L’iscrizione comprende la partecipazione alla summer school a Siracusa sulla Spiritualità del prendersi cura: Neuroscienze e Gestalt (30 maggio 2020 – 2 giugno 2020). Il corso si rivolge a chiunque abbia conseguito una laurea magistrale o triennale e, solo per il 2020-21, anche per coloro che sono in possesso di diploma di scuola secondaria superiore e a giudizio della Commissione di Valutazione abbiano un curriculum di vita e di impegno nelle relazioni di aiuto valido per l’accesso al percorso di studi. Il numero degli ammessi al Master è fissato tra un minimo di 15 ad un numero massimo in 30 persone, previo colloquio motivazionale. Iscrizioni entro la data del 30 novembre.

In una società in cui le relazioni educative, familiari e sociali perdono solidità e il bisogno innato al benessere interiore non trova appagamento, approdando a derive di comportamenti disfunzionali, il counsellor diventa professione preziosa: “persona esperta, imparziale, non legata al cliente, addestrata all’ascolto, al supporto e alla guida” (OMS). Il Master in counselling socio-educativo si rivolge a chi desidera acquisire la formazione e il titolo necessari a svolgere tale professione, ma anche a tutti coloro che, avendo incarichi di cura e di guida, hanno bisogno di strumenti teorico-pratici per un efficace svolgimento del proprio servizio e delle proprie mansioni relazionali.

Articolato in moduli sui temi del miglioramento e potenziamento (empowerment) delle competenze comunicative e relazionali, del sostegno alle coppie, alle famiglie, ai bambini e agli adolescenti, del saper guidare i gruppi e supportare persone e famiglie in difficoltà relazionale, fornisce anche tutti gli strumenti deontologici necessari per l’avvio della professione del counselling e per la collaborazione con enti e agenzie educative e prosociali. La cornice teorica di riferimento è quella della Gestalt Therapy integrata con le prospettive delle recenti ricerche delle neuroscienze. È proprio nelle situazioni in cui non c’è patologia. ma c’è disfunzione, in cui nonostante la buona volontà non si hanno gli strumenti interiori per affrontare i traumi della vita, in cui si vuole fare discernimento o semplicemente migliorare ulteriormente la propria capacità di spendersi nella società che la professione del counsellor interviene a dare i supporti e l’accompagnamento necessari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento