Forlimpopoli, Casa Artusi nella giuria del "Piatto d'Autore 2012"

Casa Artusi, il centro di cultura gastronomica di Forlimpopoli, ed in particolare la sua prestigiosa Scuola di Cucina riceve un nuovo, importante riconoscimento a livello nazionale con la partecipazione a Piatto d'Autore

Casa Artusi, il centro di cultura gastronomica di Forlimpopoli, ed in particolare la sua prestigiosa Scuola di Cucina riceve un nuovo, importante riconoscimento a livello nazionale con la partecipazione a Piatto d'Autore, Premio Nazionale Giornalistico Gastronomico. Ogni anno la gara coinvolge un numero sempre maggiore di appassionati cronisti e redattori, entusiasti di poter condividere i segreti della tradizione gastronomica del Bel Paese e di apprendere vecchie e nuove ricette di un folklore regionale geograficamente lontano dal proprio.

La rassegna non poteva mancare l'occasione di ricordare, proprio come ha fatto Casa Artusi per tutti questi mesi, i 150 anni del nostro paese e i 100 dalla morte del nostro Pellegrino per festeggiare 150 anni di gusto italiano, il tema di questa rassegna che è un vero e proprio omaggio al made in Italy: dall’olio extravergine e i vini umbri fino alla pasta abruzzese, dalla farina mantovana ai formaggi regionali.

14 i finalisti che si sono sfidati in una avvincente gara culinaria dal vivo che ha attribuito la “Pentola d’oro” di Baldassarre Agnelli, ambita da star della gastronomia

Quest’anno i giornalisti si sono dilettati nella rielaborazione di pietanze tradizionali creandone di nuove;  tra le tante creazioni troviamo il curioso risotto Milano ieri ed oggi, il gustoso Spezzatino della Nonna Emilia, la tradizionale Pasta e Patate, piatto tipico della cucina napoletana povera, il risorgimentale Tricolore del Contadino che racchiude in sé i sapori di tutte le nostre Regioni. Particolarità di questa edizione è il riconoscimento della birra con una sezione apposita della competizione (Piatto d’Autore IloveBeer), non più solo da degustare ma elemento principe di numerose pietanze come la  Zuppa di farro con fagioli e birra o il Pollo alla birra e vaniglia.

La manifestazione è ideata dall'agenzia CM Comunicazione di Grazia Saporiti e ci accompagna in un viaggio gustoso tra i sapori di un’Italia ancora degna di essere definita “il Buon Paese”.

Con Carla Brigliadori di Casa Artusi, che unisce alla sua esperienza pratica di cucina una solida preparazione in filosofia e storia della gastronomia, erano in giuria la tristellata Michelin Luisa Valazza, piemontese doc, lo Chef Christian Bertogna che ha portato a Lugano l’identità italiana e ancora, gli stellati Fabio Baldassarre, romano di origine e milanese di adozione e Angela Tinari, massima esponente della cucina tradizionale abruzzese, gli storici Aimo e Nadia con i loro Chef, Gianluca Tomasi in qualità di rappresentante della Nazionale Italiana Cuochi ed infine Augusto Tombolato, Executive Chef dell’Hotel The Westin Palace.

Il professor Alberto Capatti (componente del Comitato Scientifico di Casa Artusi), ha curato l’introduzione della pubblicazione Piatto d’Autore 150 anni di gusto italiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Giugno 2020 il meno caldo degli ultimi nove anni. Ora il break temporalesco: "Non si escludono fenomeni violenti"

Torna su
ForlìToday è in caricamento