Forlimpopoli, i cittadini si lamentano del parco: "Di sera è illuminato poco e male"

Sono giunte alla nostra redazione, negli ultimi mesi, numerose segnalazioni per denunciare i problemi di illuminazione dell'area verde durante il periodo serale/notturno.

Sapreste riconoscere la zona nelle immagini contenute nella fotogallery qui a metà articolo? Ve lo diciamo noi: a meno che non siate degli assidui frequentatori del parco, la risposta è no. Siamo a Forlimpopoli, nel parco adiacente alla piscina e che recentemente è stato allargato anche alla parte retrostante la Chiesa della Madonna del Popolo e l'Istituto Alberghiero con possibilità di accesso anche ai nostri amici a quattro zampe. 

Sono giunte alla nostra redazione, negli ultimi mesi, numerose segnalazioni per denunciare i problemi di illuminazione dell'area verde durante il periodo serale/notturno. "E' un parco che di giorno ha poche zone d'ombra - dice una residente - ma il vero problema lo si riscontra con il calar del sole. Il parco è davvero poco illuminato: i lampioni sono pochi ed in certi casi sono accesi in maniera alternata. La parte centrale, quella dove spicca la storica quercia (purtroppo malata, ndr), è completamente al buio".

"Non sto parlando della zona 'nuova', quella per capirci con l'area cani, dove non esistono praticamente ancora i lampioni - dice un un'altra lettrice nella sua segnalazione - sto parlando di quella a ridosso della piscina. L'area con i giochi per i bambini è al buio, tanto che passeggiando per il percorso pedonale è impossibile capire se vi sia qualcuno. Spesso vado a correre la sera, difficilmente il parco è deserto, ma di certo una migliore illuminazione farebbe desistere qualche eventuale malitenzionato".

"Quando incroci qualcuno, a meno che tu non abbia la fortuna di farlo proprio sotto uno dei rari lampioncini - dice infine un altro cittadino artusiano - è impossibile riconoscerle. Ci sono delle zone completamente al buio, e questo avviene non solo nelle aree verdi, ma anche nel percorso pedonale. Qualcuno rischia anche di farsi male, perché in certi punti non sai davvero dove stai mettendo i piedi. E' un peccato, perché con un'illuminazione degna di questo nome, il parco potrebbe essere fruibile da molte più persone fino a tarda sera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento