menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bertinoro, una domenica di festa: Jacopo Lupo Melia è il "Vignaiolo Nuovo"

Alla Colonna sono state una quarantina le buste scelte dai tanti ospiti e turisti che sono saliti sul Balcone della Romagna

Si è rinnovato domenica a Bertinoro il Rito dell'Ospitalità. Alla Colonna erano presenti una quarantina di buste, scelte dai tanti ospiti e turisti che sono saliti sul Balcone della Romagna. L'antica tradizione, divenuta Rito dell'Ospitalità il 5 settembre del 1926, si rinnova ogni anno poiché fa sperimentare il cuore della convivialità romagnola che, aprendosi all'ospite appena incontrato, dimostra tutta la sua ricchezza e profondità. La mattinata è iniziata con la partenza del corteo storico, che ha camminato al ritmo dei tamburi del gruppo degli sbandieratori “Brunori” di Forlimpopoli, insieme alle autorità e agli amici dei paesi gemellati (in particolare: Kaufungen, gemellaggio che hha compiuto quest'anno 20 anni, e Villefranche sur Saône, un patto di amicizia siglato nel 2013). 

Prima di salire alla Colonna, il corteo ha fatto una sosta importante al Monumento al Vignaiolo, dove ogni anno viene consegnata la pergamena del “Vignaiolo Nuovo” a colui o colei (a Bertinoro sono molte le donne del vino) che, come recita lo scritto "ha deciso di continuare la tradizione". Quest'anno la pergamena è andata a Jacopo Lupo Melia, figlio di Graziella Pezzi della storica azienda Fattoria Paradiso. In realtà Jacopo ha già avuto tale riconoscimento quando a soli 5 mesi, in braccio ad Ave Ninchi, nell'anno in cui il padre veniva nominato “vignaiolo del mondo”, riceveva l'impegno di proseguire il lavoro del nonno. Alla Colonna dell'Ospitalità, insieme al sindaco Gabriele Antonio Fratto (chiamato a proclamare i nomi delle famiglie, ristoranti, associazioni ospitanti), hanno guidato il Rito il vicesindaco Mirko Capuano e Wilma Malucelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento