rotate-mobile
Cronaca

Maxi-sequestro di 45 milioni, Boccio: "Il mio operato sempre in linea con la legge"

"Penso adesso, che dopo mesi di silenzio, dove mi sono ammalato, sopportando sommessamente le piu' assurde accuse, critiche e offese, sia giunto il momento di cominciare a difendere, me, il mio operato professionale e mia moglie"

Si è visto porre sotto sequestro 45 milioni di euro, nel caso del fallimento della FulgorLibertas, la squadra di basket poi ritirata dal campionato. "Penso adesso, che dopo mesi di silenzio, dove mi sono ammalato, sopportando sommessamente le piu' assurde accuse, critiche e offese, sia giunto il momento di cominciare a difendere, me, il mio operato professionale, ma soprattutto la mia famiglia, a partire da mia moglie". Lo scrive Massimiliano Boccio che ha diramato in un comunicato stampa dopo che la Procura di Forli' ha messo sotto sequestro nei giorni scorsi valori circa 45 milioni di euro nell'ambito delle indagini sulla Fulgor Libertas Basket Forli'.

La Procura lo accusa in particolare di di aver capitalizzato le aziende di famiglia in maniera fittizia tramite il conferimento di beni inesistenti. Boccio ribadisce che "non solo le nostre societa' di famiglia sono in buona salute, ma che il mio operato di consulente societario, libero professionista specializzato in emissioni di Titoli, sia azionari che obbligazionari e' stato svolto come sempre in modo corretto e soprattutto in linea con quanto permesso dalla legge".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi-sequestro di 45 milioni, Boccio: "Il mio operato sempre in linea con la legge"

ForlìToday è in caricamento