La Shoah vista attraverso il fumetto: tanti visitatori alla Fanzinoteca per la Giornata della Memoria

L'evento proposto per la "Giornata della Memoria" ha riscosso un notevole successo di partecipazione e presenze

Alla Fumettoteca Alessandro Callegati "Calle", al Centro Nazionale Studi Fanzine - Fanzinoteca d'Italia 0.2 (via Curiel, 51), l'evento proposto per la "Giornata della Memoria" ha riscosso un notevole successo di partecipazione e presenze. "La nuova Fumettoteca è scesa in campo per narrare, proprio attraverso le pagine dei fumetti, l'immagine di una Shoah come non si vede spesso, illustrazioni e testi, estranei alle ricorrenze ufficiali ma, non per questo, non meno funzionali per essere sentiti e partecipati - spiega il direttore fumettotecario della Fumettoteca, Gianluca Umiliacchi -. E questo ottimo successo riscontrato ne è la dimostrazione, se ce ne fosse bisogno".

"Vergognoso, disumanizzante, doloroso, atroce, mostruoso e inaudito, non esistono aggettivi sufficienti a descrivere l’orrore psicologico, fisico e morale subito dalle popolazioni ebraiche, a partire dalle leggi ferree dei ghetti del Doge di Venezia, per guardarsi un po' anche i panni sporchi in casa, arrivando agli Anni Trenta e Quaranta da parte del nazismo e tutto ciò che è successo in quegli anni in Europa." "Ghetti, deportazioni, soluzione finale, campi di sterminio, Shoah, olocausto, genocidio sono parole che oggi sembrano non dire niente ai più giovani, sebbene ancora oggi non ci si riesca a spiegare come tutto ciò sia potuto accadere nell’indifferenza più totale delle altre popolazioni, degli altri Paesi europei". Ancora una volta si è cercato di evidenziare la ricorrenza per la "Giornata della Memoria", all'interno della sede Fumettotecaria, allo scopo di presentare al pubblico un interessante punto di vista sulla "Memoria alternativa”, in contrapposizione al "vuoto" delle tante, troppe, parole ufficializzate.

L'Onu ha scelto di onorare la ricorrenza del 27 gennaio 1945, quando i soldati dell’Armata Rossa liberarono i pochi sopravvissuti nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau, dichiarandolo il Giorno della Memoria, per ricordare lo sterminio degli ebrei. "Non serve andare a visitare le riproduzioni o le rovine di questi campi, neppure il museo ebraico della città di Berlino o di tutte le altre città - prosegue Umiliacchi -. Far venir meno il fiato a coloro che percepiscono il senso di angoscia provato da tutto un popolo di fronte all’insensato sterminio può benissimo essere in grado di farlo anche un... fumetto! La letteratura, la saggistica, i film, i documentari storici e i fumetti sull’ascesa e sulla caduta di Adolf Hitler sono innumerevoli, realizzati in tutte le nazioni e tutte le lingue, e continuano a essere prodotti ancora oggi. Basti pensare alle geniali e fantastiche opere di Will Eisner e di Art Spiegelman, che con Maus fumetto dedicato all'Olocausto nel 1992 vinse il Premio Pulitzer, oltre a tantissimi altri grandi autori italiani, ed internazionali, che negli anni hanno realizzato la loro interpretazione fumettistica dello Shoah2.

Come se non bastasse, proprio nel mese di gennaio, Mondadori Comics ha presentato il numero 75 della collana Historica, dal titolo "La Brigata ebraica", di Marvano e il quarto numero di Historica Special dal titolo "Auschwitz", di Pascal Croci. Due fumetti dedicati alla questione ebraica durante il secondo conflitto. "Auschwitz è un racconto di letteratura disegnata, crudo, che fa riflettere, in cui l'autore ha voluto narrare, a seguito di ricerche e documentazione, la vita in quel luogo di inferno, volutamente disegnato con una grafia che cerca di trasmettere al lettore tutto l’angoscioso orrore di quel maledetto campo di sterminio, una storia un grado di graffiare l’animo del lettore consapevole e lasciargli segni indelebili - continua Umiliacchi -. Per semplice che possa apparire, anche la lettura coscienziosa di un fumetto può essere un atto di riconoscimento, utile per allontanarsi dalle ripetitive e scontate ricorrenza di facciata"." La Fumettoteca Alessandro Callegati "Calle", che a febbraio sarà inaugurata, è una attiva e operativa “Biblioteca dei fumetti”, disponibile per tutti gli interessati previo accordo. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni www.fanzineitaliane.it/fumettoteca, fumettoteca@fanzineitaliane.it", conclude il direttore fumettotecario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento