rotate-mobile
Il lutto

Ha trasmesso la passione per il volo agli studenti, l'ultimo saluto al pilota eroe Meneghello: "Avevi il sorriso dipinto sul volto"

Meneghello era tra i piloti che hanno accompagnato i ragazzi delle scuole durante l'esperienza del "corso di cultura aeronautica"

Si sono svolti venerdì pomeriggio nella parrocchia Beata Maria Vergine di Loreto di Guidonia i funerali del tenente colonnello dell'Aeronautica Militare Giuseppe Cipriano e del maggiore Marco Meneghello, i due piloti del 60esimo Stormo di Guidonia, morti martedì scorso a seguito di un incidente aereo durante un volo di addestramento a Guidonia Monte Celio, alle porte di Roma. Meneghello poche settimane fa era stato a Forlì nell'ambito del "corso di cultura aeronautica", che la forza armata aveva organizzato in città coinvolgendo quasi 200 studenti delle scuole superiori.

Al termine di un ciclo di lezioni teoriche, il corso prevedeva il sorvolo della città a bordo del monoelica "Siai U208 Marchetti". Un'esperienza unica, perchè prevedeva un volo con cinque velivoli in formazione. Meneghello era tra i piloti che hanno accompagnato i ragazzi delle scuole in questa avventura. Un "uomo simpatico e di grandissima umanità", il ricordo di Giorgio Frassineti,  docente di Scienze e Biologia, nonché referente stampa dell'Itaer. Il maggiore era entrato nel cuore degli studenti per la sua capacità di trasmettere la passione per il volo. E proprio Meneghello, prima di schiantarsi al suolo, ha compiuto un'abile manovra per non impattare contro alcune abitazioni, evitando una strage.  

L'Aeronautica Militare ha dato l'ultimo saluto ai suoi angeli del volo "con il cuore colmo di tristezza". "Ci avete detto addio troppo presto, ma compiendo il vostro dovere al servizio del Paese, in volo, facendo quello che vi piaceva fare e per il quale vi siete a lungo addestrati - il messaggio della forza armata -. Il vostro esempio sarà, per tutti noi, un monito a intraprendere sfide sempre maggiori, con dedizione, sacrificio, professionalità. Affrontando la vita con un sorriso; quello stesso che vogliamo ricordare, per sempre, dipinto sui vostri volti. Virtute Siderum Tenus, allora… con valore verso le stelle.  Sarà lì che un giorno ci rivedremo".

Alle esequie, officiate dall’Ordinario Militare S.E., Monsignor Santo Marcianò, oltre ai familiari e colleghi erano presenti anche il ministro della Difesa Guido Crosetto, il sottosegretario di Stato alla Difesa Isabella Rauti, il Capo di Stato Maggiore della Difesa Ammiraglio Giuseppe Dragone, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti, il Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri Giorgio Silli, il tenente colonello Gianfranco Paglia, il sindaco di Guidonia Montecelio Mauro Lombardo e altre autorità cittadine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha trasmesso la passione per il volo agli studenti, l'ultimo saluto al pilota eroe Meneghello: "Avevi il sorriso dipinto sul volto"

ForlìToday è in caricamento