Razzie nelle abitazioni, 33 colpi in due mesi: la banda dei "falchi" resta in carcere

Durante gli interrogatori di convalida dei fermi, soltanto uno ha risposto alle domande del giudice ed ha ammesso tutti gli addebiti, mentre gli altri tre si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Il giudice per le indagini preliminari di Ravenna, Janos Barlotti, ha applicato la misura della custodia cautelare in carcere per i quattro componenti della banda di malviventi arrestati ad inizio settimana dai Carabinieri della Compagnia di Faenza, che al termine dell’operazione “Skifterat” hanno smantellato un sodalizio di albanesi dediti ai furti nelle abitazioni. Durante gli interrogatori di convalida dei fermi, soltanto uno ha risposto alle domande del giudice ed ha ammesso tutti gli addebiti, mentre gli altri tre si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Nel periodo in cui erano sotto indagine, alcuni componenti della banda avevano progettato di recarsi in Germania per mettere a segno dei furti approfittando dell’appoggio di alcuni connazionali che vivono lì, tuttavia avevano lasciato intendere che poi sarebbero tutti rientrati a Ravenna, facendo quindi venire meno l’ipotesi di un concreto pericolo di fuga che durante i mesi d’indagine i Carabinieri di Faenza non avevano mai escluso, rimanendo alle costole dei malviventi sia di giorno che di notte proprio per evitare che potessero “sparire”, visto che alcuni di loro erano anche irregolari sul territorio nazionale.

Il pubblico ministero Lucrezia Ciriello, che ha coordinato le indagini dei militari dell’arma sin dalle prime battute, aveva messo in risalto nei provvedimenti di fermo come i quattro albanesi avessero costituito un sodalizio ben organizzato che quasi tutti i giorni “batteva” il territorio ravennate e di altre province limitrofe per mettere a segno dei furti in abitazione in modo seriale e standardizzato, intendendo tale attività come un vero e proprio “lavoro” a loro necessario per sostenersi, come ammesso davanti al giudice dall’unico componente della banda che ha deciso di rispondere nell’udienza di convalida.

Con un provvedimento di circa una cinquantina di pagina, il giudice ha analizzato tutti i capi di imputazione formulati dal pubblico ministero, che riguardano decine di furti in abitazione commessi dalla banda di ladri nell’arco degli ultimi mesi. Alla fine, ha disposto il carcere per tutti gli arrestati, ritenendo le loro modalità predatorie “assolutamente allarmanti” visto che si disinteressavano dell’eventuale presenza in casa dei derubati, come documentato in più occasioni dai carabinieri.

Alla base della decisione del giudice, oltre ad un concreto pericolo di reiterazione dei reati, ha inciso la serialità degli episodi e l’organizzazione interna della banda, ritenuta “molto efficace” soprattutto quando il sodalizio agiva al completo. Inoltre, il giudice per le indagini preliminari ha valutato tutti gli arrestati privi di freni inibitori e senza la “minima capacità di autocontrollo”, sottolineando che per loro rubare costituiva l’unica fonte di sostentamento visto che nessuno aveva un’occupazione regolare.

Sempre nelle conclusioni del provvedimento di custodia cautelare si legge che i quattro sono stati ritenuti di “elevatissima pericolosità sociale” oltre che “assolutamente indifferenti al rispetto delle regole di pacifica e civile convivenza”, considerato il loro modus operandi allarmante ed estremamente pericoloso per l’incolumità personale delle vittime dei furti, che in diverse occasioni si sono trovate “faccia a faccia” con i ladri.

In tale contesto è emblematica la registrazione prodotta dai Carabinieri che riguarda il racconto di un furto nell’abitazione di due anziani da parte di uno dei componenti della banda, il quale aveva poi confidato spavaldamente alla fidanzata come avrebbe voluto “ammazzare” la signora che lo aveva scoperto nella camera da letto. Nel frattempo, continua l’attività dei Carabinieri tesa all’individuazione di altre vittime dei furti che ancora mancano all’appello in quanto non hanno ancora sporto denuncia.

Potrebbe interessarti

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Evitare la bolletta salata in estate con questi 3 suggerimenti

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Accertato un caso di Dengue a Forlì: scatta il Piano di disinfestazione contro la zanzara tigre

Torna su
ForlìToday è in caricamento