rotate-mobile
Cronaca

Ruba una macchina di "Start" e viene inseguito da un dipendente: era evaso

Una volta perquisito, gli operanti hanno trovato una pistola giocattolo, fedele riproduzione di una semiautomatica, priva di tappo rosso, contenente munizionamento a salve, guanti in lattice ed abbigliamento per il travisamento, sottoposti a sequestro

Era evaso nel marzo scorso, dopo un permesso premio concesso dal magistrato di sorveglianza, un 54enne napoletano, Francesco Grandelli, che non aveva più fatto rientro al carcere di Secondigliano e da allora aveva fatto perdere le sue tracce. E’ stato infine catturato nella giornata di venerdì dai Carabinieri di Forlì.

L’uomo, nel corso della mattinata di venerdì – secondo la ricostruzione degli inquirenti - aveva rubato una Fiat Punto della “Start Romagna” all’interno del parcheggio aziendale nei pressi della stazione ferroviaria.   Inseguito da un dipendente dell’azienda e dopo aver  percorso diverse strade del centro storico, l’uomo ha poi abbandonato l’auto,  allontanandosi a piedi. Immediatamente la Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri di Forlì, avuta la segnalazione del furto, ha diramato a tutte le pattuglie sul territorio le ricerche dell’autore.

Dopo poco, l’uomo che ha cercato di mimetizzarsi con altri passeggeri in un autobus della linea urbana, è stato individuato e bloccato nei pressi del capolinea della linea 2, davanti l’ospedale “Morgagni” da due pattuglie della stazione del Ronco e del Nucleo Operativo e Radiomobile. Senza perdersi d’animo l’uomo ha tentato – sempre secondo quanto riportano i carabinieri -  una carta d’identità contenente generalità diverse dalle proprie. Grazie all’esperienza e professionalità dei militari tuttavia il tentativo di eludere il controllo è stato vanificato poiché dalla minuziosa verifica  del documento  sono emerse piccole irregolarità da cui si ricavava la sua falsità.

Una volta perquisito, gli operanti hanno trovato una pistola giocattolo, fedele riproduzione di una semiautomatica, priva di tappo rosso, contenente munizionamento a salve, guanti in lattice ed abbigliamento per il travisamento, sottoposti a sequestro poiché ritenuto di probabile utilizzo per la commissione di un delitto. solo dal successivo controllo dattiloscopico sono emerse le vere generalità del fermato, risultando persona da ricercare poiché evaso.


Nella circostanza nei suoi confronti è stato notificato un ulteriore provvedimento di carcerazione emesso dal Tribunale di Napoli per un cumulo pena di 19 anni, poiché riconosciuto colpevole di diversi delitti contro la persona ed il patrimonio tra cui furto, rapina, sequestro di persona, alterazione di armi, lesioni personali ed evasione. Al termine delle attività di rito, l’uomo è stato portato al carcere della Rocca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba una macchina di "Start" e viene inseguito da un dipendente: era evaso

ForlìToday è in caricamento