menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubata una pistola al Comando dei vigili. Ragni (PdL): "Come è possibile?"

Tiene banco il caso del furto di una pistola all'interno del comando della Polizia Municipale, in particolare dall'area di protezione dell'armeria in cui, vale la dire, le armi dovrebbero trovarsi sotto stretta sorveglianza

Tiene banco il caso del furto di una pistola all'interno del comando della Polizia Municipale, in particolare dall'area di protezione dell'armeria in cui, vale la dire, le armi dovrebbero trovarsi sotto stretta sorveglianza. Dopo le indiscrezioni filtrate nei giorni scorsi, arriva l'interrogazione di Fabrizio Ragni, consigliere comunale Pdl: “C’è qualcuno che da molti giorni gira tranquillamente per la città con una pistola rubata a una vigilessa forlivese. Un fatto grave, senza precedenti, perché la pistola è stata sottratta dalla zona più protetta del Comando, quella della tenuta armi, inaccessibile agli estranei”.

Chiede quindi Ragni: “Chi può averla fatta franca? In attesa di conoscere gli sviluppi dell’inchiesta in Procura, che esito ha dato l’indagine interna del Comandante? Da Elena Fiore, così implacabile nello stare alle costole dei forlivesi che sgarrano sulle strade, ci aspettiamo severità ed efficienza anche nello scovare un ladro in casa sua. E non un ladro qualsiasi, un ladro di armi”.

Ragni protesta anche contro il sindaco: “Ma è soprattutto il sindaco Roberto Balzani, che da regolamento ha facoltà di assegnare e togliere l’arsenale ai vigili urbani, a dover dare qualche spiegazione ai cittadini. Oppure pensa di cavarsela anche stavolta come fa sempre, dicendo semplicemente che non può controllare tutto? Ma tanto del Comune ormai si parla solo per le inchieste. Di questo primato i forlivesi farebbero volentieri a meno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento