Fase 2, Civitella e Galeata non aprono i parchi: "Rischio assembramenti"

Elisa Deo, sindaco di Galeata, evidenzia che "parchi pubblici, giardini e campi da gioco rimangono chiusi per l’impossibilità di gestirne gli accessi che possono dare luogo ad assembramenti"

Lunedì scatta la "fase 2", che consente la riapertura delle aree verdi e dei parchi. Civitella e Galeata, tuttavia, ne hanno inibito l'accesso. Spiega il sindaco di Civitella, Claudio Milandri: "Dal 4 maggio, data dalla quale inizierà la fase 2 ovvero la fase di ‘convivenza col virus’ che progressivamente ci porterà ad un graduale ritorno alla normalità, dovremo continuare ad essere responsabili e rispettosi delle regole che fino ad oggi vi abbiamo chiesto di seguire. Un allentamento delle misure e delle attenzioni non farà altro che riportarci ad una nuova fase 1 come per altro già successo in altri Paesi europei, vanificando tutti gli sforzi fatti fino ad ora".

Per questo motivo, annuncia, "rimangono chiusi parchi e giardini pubblici nel comune di Civitella di Romagna in quanto aree attrezzate con giochi per bambini che potrebbero creare assembramenti difficili da gestire". Viene ribadito che "è consentita l'attività motoria e sportiva all'aperto (ciclismo, corsa, caccia di selezione, pesca sportiva, tiro con l'arco, equitazione e ricerca di funghi). L'attività sportiva deve essere effettuata solo in ambito provinciale e mantenendo una distanza di 2 metri". Conclude il primo cittadino: "Continuiamo ad indossare mascherine nei locali aperti al pubblico e nei luoghi all'aperto dove non è possibile mantenere la distanza interpersonale di un metro e a rispettare le norme sul distanziamento sociale e igieniche, così come gli spostamenti che devono avvenire unicamente per lavoro, salute e necessità con autocertificazione alla mano. Dal 4 maggio non sarà assolutamente un ‘libero tutti’ ma sarà solo una prova di graduale ritorno alla normalità che dovrà essere affrontata con scrupolosa ponderazione e coscienza. Dipende solo dai nostri comportamenti la possibilità di accedere alla fase 3 o di retrocedere di nuovo alla fase 1. Siamo responsabili e ce la faremo".

Stessa linea per il sindaco di Galeata, Elisa Deo: "Siamo in procinto di entrare nella cosiddetta Fase2 ed è questo il momento della consapevolezza e della massima attenzione. Nonostante i contagi ed i decessi stiano diminuendo ed il numero dei guariti aumentando, il virus non è stato assolutamente debellato.  Teniamo in considerazione che il virus continuerà a circolare e ci saranno tanti asintomatici che lo potranno diffondere più facilmente. Dal 4 maggio tutti avremo voglia di fare ciò che non abbiamo potuto fare nei mesi passati e questo sarà molto pericoloso perché abbasseremo la guardia senza accorgercene. Non facciamoci prendere dall’entusiasmo per la libertà ritrovata, perché se i contagi dovessero tornare a salire, dovremmo retrocedere immediatamente alla Fase 1. Continuiamo pertanto a mantenere comportamenti rigorosi basati sul distanziamento sociale e l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale".

Il primo cittadino evidenzia che "parchi pubblici, giardini e campi da gioco rimangono chiusi per l’impossibilità di gestirne gli accessi che possono dare luogo ad assembramenti". Saranno aperti regolarmente i cimiteri, senza limitazioni orarie differenti dall’ordinario: "Auspico tuttavia che tutti coloro che vi si recheranno, lo facciano in maniera contingentata e nel rispetto delle norme di sicurezza. In tanti sentiamo l’esigenza di fare visita ai nostri cari defunti, ma teniamo in considerazione che anche il cimitero può diventare luogo di pericolosi assembramenti".

A Rocca San Casciano, illustra il sindaco Pier Luigi Lotti, riaprono il parco "Carlo Alberto Cappelli" e il parco Gramsci. "L’accesso alla Cittadinanza è ammesso a condizione che venga rispettata la distanza di sicurezza interpersonale di un metro e il divieto di assembramento.Nel Parco Cappelli sarà consentito sedersi sulle panchine solo una persona per ogni estremità; mentre l’area giochi dei bambini e il campo da calcetto sono chiusi e non possono essere utilizzate. Qualora si dovesse riscontrare la formazione di assembramenti il Parco verrà immediatamente chiuso al pubblico". Cimiteri regolarmente aperti e da mercoledì 6 maggio riparte il mercato ambulante limitatamente al settore alimentare. "Il mercato si svolgerà in una zona recintata all’interno di Piazza Garibaldi - illustra il primo cittadino -. Sarà possibile accedere all’area una persona alla volta per ogni banco e saranno presenti volontari che regoleranno l’accesso evidando altresì la formazione di assembramenti".

A Santa Sofia, chiarisce il sindaco Daniele Valbonesi,i parchi "saranno aperti con alcune limitazioni. In tutti i casi bisogna rispettare il distanziamento sociale tra le persone. Per i parchi c'è il divieto di utilizzare i giochi. "Rimango convinto che siano fondamentali i comportamenti e il senso civico di tutti i cittadini - evidenzia il sindaco -. Le nuove misure non creeranno pericoli se saranno rispettati il distanziamento sociale, lo spostamento di singole persone e l'utilizzo delle mascherine dove previsto. Per questo, come avvenuto nelle ultime settimane, i controlli saranno rigidi e diffusi su tutto il territorio. Da lunedì si allentano alcune misure ma ragioniamo sempre sul principio di necessità. Escludiamo, anche se possibile, azioni che possiamo evitare. In questo momento avere più libertà non vuol dire che ognuno di noi, con senso civico e di responsabilità, possa comunque limitare i propri spostamenti alle sole necessità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così a Predappio, come specifica il sindaco Roberto Canali: "I parchi saranno aperti, ma, almeno per il momento, è vietata la sosta nelle panchine e l'utilizzo dei giochi. È consentita l'attività motoria, ma comunque a distanza di sicurezza. Nel dubbio, viste le tante interpretazioni del decreto, consigliamo prudenza e in caso di domande e casi specifici potete contattare le forze preposte al controllo delle norme. I cimiteri saranno riaperti con orario regolare per il mese di maggio e cioè dalle 8 alle 18.30".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento