menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindaco Zattini: "Colonizzare Piazza Saffi con auto e mezzi pubblici? Nulla di più falso"

E' il sindaco Gian Luca Zattini a prendere parola sul tema della uto in Piazza Saffi

"Stiamo valutando diverse soluzioni. Non c’è nulla di definitivo e mi stupisce che ancora ci sia qualcuno che pensi che vogliamo colonizzare Piazza Saffi con auto e mezzi pubblici. Nulla di più falso". E' il sindaco Gian Luca Zattini a prendere parola sul tema delle auto in Piazza Saffi. Puntualizza il primo cittadino: "C’è, al vaglio di questa Giunta, un piano della mobilità molto più complesso che si sviluppa di pari passo con il rilancio del centro storico, che solo chi non ha altro da dire può liquidare con slogan e atti di ‘terrorismo’".

Prosegue Zattini: "Capisco che sia più facile strumentalizzare certi argomenti piuttosto che tentare di entrare nel merito, ponendosi come interlocutori costruttivi e capaci. Ma questa amministrazione non intende prestare il fianco a inutili polemiche - afferma il primo cittadino -. Nulla vieta alle opposizioni di indire ulteriori conferenze stampa. Ma perlomeno avanzino proposte. Da parte nostra, ne stiano certi, non mancherà la volontà di ascoltarli, a condizione che l’obiettivo sia comune e coincida con quello di mettere al centro dell’azione politica di questa Giunta, Forlì e i forlivesi". 

Zattini risponde anche all'ex candidato sindaco Giorgio Calderoni e al capogruppo del Pd Soufian Hafi Alemani, secondo i quali il bilancio dei primi mesi della giunta Zattini è deludente: "Stiano certi, i consiglieri del partito democratico e i colleghi di Forlì & co, che questa Giunta si impegnerà a dovere per soddisfare non tanto le loro istanze, certamente più che legittime, quanto piuttosto quelle dei forlivesi e di chi ha realmente a cuore l’interesse di questa città. Lo faremo senza sollecitazioni ma soprattutto senza quella connotazione di superbia che ha caratterizzato chi ci ha preceduto. Ci tengo a ribadire alle opposizioni che ci prenderemo il tempo necessario per definire un quadro di sintesi che riassuma le linee programmatiche di questo mandato in piena sintonia con le sfide del prossimo quinquennio. Rispetteremo i termini di legge ma non faremo a gara per tagliare il traguardo".

"Quello che ci sta a cuore è il benessere dei nostri cittadini, non il titolo di primi della classe. Amministrare responsabilmente non è come una corsa campestre - chiosa Zattini -. Amministrare significa prima di tutto ascoltare chi vive e lavora in questa città. Amministrare, con efficacia ed efficienza, vuol dire tradurre in atti e delibere gli interessi della collettività. Cosa che richiede tempo, attenzione e ascolto. Se al Pd e colleghi non sta bene, ce ne faremo una ragione, ma stiano certi che non svenderemo la qualità di questa Amministrazione per una manciata di settimane o perché in passato si è privilegiato l’interesse di pochi a quello di molti. Forse quello che sfugge al partito democratico è che stiamo lavorando a testa bassa, con profonda umiltà, per risolvere i gravi problemi che trasversalmente interessano molteplici settori di questo Comune e che, spiace ribadirlo, altri ci hanno lasciato in eredità". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento