rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Centro storico

Giardini San Domenico, ecco le panchine: "Vogliamo rendere la città più bella e accogliente"

Da qualche mese, aggiorna su Facebook il sindaco Gian Luca Zattini, "abbiamo installato sei nuove panchine in legno nella piccola ma importante area verde di fronte al Vescovado"

Era il 25 marzo scorso quando venne inaugurato il nuovo spazio verde davanti ai Musei San Domenico. Un giardino che ha mandato in archivio l'esperienza del cosiddetto 'parcheggione', vale a dire l'impattante parcheggio di Piazza Guido da Montefeltro realizzato negli anni '80, e demolito nell'ultimo anno e mezzo. Tuttavia il giardino necessitava di alcuni interventi di arredo e decorazione per considerarsi completo. Da qualche mese, aggiorna su Facebook il sindaco Gian Luca Zattini, "abbiamo installato sei nuove panchine in legno nella piccola ma importante area verde di fronte al Vescovado che ospita la statua di Padre Pio".

"È un intervento certamente limitato nello spazio e nella portata, ma l’attenzione per il decoro urbano e la qualità della vita dei nostri cittadini passa anche dalla cura dei particolari e da piccoli gesti di alto valore simbolico - prosegue il primo cittadino -. Anche attraverso queste semplici opere, ogni giorno cerchiamo di migliorarci per creare valore e lasciare in eredità ai nostri figli una città ancora più bella e accogliente". Nella nuova area verde prevale la ri-naturalizzazione. Con una superficie da 6.500 metri quadri, 4.800 diventa suolo permeabile, vale a dire il 70% circa. Dall'ex parcheggio Montefeltro sono usciti 3.700 metri cubi di cemento (pari a circa 9.000 tonnellate) e sono entrati 6.500 metri cubi di terreno vegetale, di cui 1.650 metri quadrati di top soil. Il costo dell'opera è stato di un milione di euro, di cui metà a carico della Fondazione Cassa dei Risparmi, 300mila di fondi statali e 200mila euro del Comune. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giardini San Domenico, ecco le panchine: "Vogliamo rendere la città più bella e accogliente"

ForlìToday è in caricamento