Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Giorgia, centista all'Itis: "Chimica amore a prima vista. Ora sogno di diventare un medico"

"Sono una persona sensibile e mi piace aiutare gli altri, cosa che per ora provo a fare tramite il volontariato", racconta

C'è anche Giorgia Maiolini tra i centisti dell'istituto tecnico industriale "Marconi". 18 anni, si è diplomata nell'indirizzo "Chimica e materiali". "Adoro stare con gli amici e ballare nella mia scuola di danza - dice di sé -. Sono una persona sensibile e mi piace aiutare gli altri, cosa che per ora provo a fare tramite il volontariato".

Perchè ha scelto l'Itis e poi Chimica?
Fin da piccola sono sempre stata attratta dalle materie scientifiche, riuscendo in queste ad ottenere sempre buoni risultati. Questa mia passione mi ha quindi portata a scegliere questo istituto dove dal primo momento mi sono sentita a casa. Ho amato la chimica fin da subito e questa mia scelta mi ha permesso di conoscere persone che si sono rivelate fondamentali in questo mio percorso.

Come ha affrontato l'ultimo anno e mezzo scombussolato dalla pandemia?
Ho affrontato l’ultimo anno con tante difficoltà, principalmente psicologiche, a causa della mancanza di “contatto” con i miei compagni di classe e con i miei professori e della paura nei confronti di un virus che si è impadronito delle nostre vite. La didattica a distanza ha reso le giornate lunghe e monotone, solo la presenza di internet è stata in grado di mantenerci uniti, seppure distanti. Non è stato facile, credo per nessuno, pensare di poter arrivare alla fine di questo percorso con qualche soddisfazione, ma per fortuna non è stato così.

L'esame di maturità è stata una prova difficile?
Come per chiunque l’esame di maturità è una tappa fondamentale. Molti ritengono che avere avuto solo un maxi orale, considerato più facile di un esame vecchio stile, sia stata una fortuna senza però considerare le mancanze e le difficoltà di questi due anni. Io, personalmente, sono contenta per come ho vissuto questa grande prova e, nonostante l’ansia e la tensione, la ripeterei volentieri.

Progetti per il futuro?
Il mio progetto per il futuro è, per il momento, quello di iscrivermi all’università. Il mio sogno è quello di diventare un medico ma prima è necessario, e non scontato, superare il test di ingresso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorgia, centista all'Itis: "Chimica amore a prima vista. Ora sogno di diventare un medico"

ForlìToday è in caricamento