Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Giovani musicisti in erba, un duo di forlivesi lancia su Youtube un loro videoclip

“Dopo un piccolo periodo di prove abbiamo deciso di cimentarci nella scrittura, ed è proprio così, che a marzo, nasce il progetto di pubblicare il nostro primo EP"

Giovani artisti in erba che si cimentano con le loro sperimentazioni musicali. A Forlì è un fiorire di ragazzi che ci provano con la via espressiva più immediata, vale a dire la musica. Tra di loro ci sono anche Lorenzo Pellacani e Gianmarco Servadei, 21 anni entrambi, un duo che si è formato all’inizio dell’ anno. Hanno realizzato un video dal titolo “Non pensare”, pubblicato su Youtube. Pellacani ha studiato all’Itis Marconi di e attualmente si occupa,come lavoro, dei sistemi automatici installati sulle piattaforme di estrazione mineraria in tutto il mondo. Gianmarco Servadei ha frequentato l’Istituto Tecnico Commerciale Matteucci e attualmente studia Economia all’Università, a Forlì.

“Dopo un piccolo periodo di prove abbiamo deciso di cimentarci nella scrittura, ed è proprio così, che a marzo, nasce il progetto di pubblicare il nostro primo EP (che verrà pubblicato con il nuovo anno). Il nostro primo singolo è Non Pensare, per il quale abbiamo deciso di realizzare un videoclip grazie all’aiuto di The web Factory, piccola startup di ragazzi che si occupano di tutti i visual web...dai siti internet, alle sponsorizzazioni e alla creazione di video per aziende e gruppi musicali, e soprattutto grazie al nostro produttore musicale Francesco Pontillo”, spiegano i due giovani musicisti. 

Il video è stato interamente girato presso il vecchio deposito ATR  e al Parco Nazionale delle Foreste casentinesi. Spiegano i due musicisti: “Questa canzone parla di quella volta in cui immaginavi il piacere che può dare un cambiamento, e non riuscivi a renderti conto che in realtà provavi soddisfazione solo nel desiderarlo. Parla di come la razionalità a volte può tradire, di come la logica non coincida sempre con ciò che è giusto. Parla di errori dettati da false giustificazioni, di decisioni avventate e insicure e di come occorra reinventare ciò che ieri era quotidianità, ma oggi è estraneo. Di come a volte non occorra interrogarsi sul motivo e sul viaggio, ma basti sapere che un ipotetico arrivo sia, in ogni caso, al fianco di chi realmente ti appartiene. Parla di considerazioni alle tre del mattino che diventeranno canzoni e di come scrivere di getto, senza pensare, può essere la più grande delle riflessioni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovani musicisti in erba, un duo di forlivesi lancia su Youtube un loro videoclip

ForlìToday è in caricamento