rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Lotta al degrado

Gli incivili si liberano dei rifiuti lungo il Montone: i gilet gialli ambientali tornano in azione

Il nuovo appello di Maurizio Naldi: "La difesa ambientale è più importante del costo di un sistema di rilevazione fotografico ed invito l’amministrazione comunale a prenderne atto"

Nuova operazione antidegrado dei "Gilet Gialli", intervenuti lunedì per ripulire tutta l’area lato mare del ponte di Schiavonia dopo l'intervento di alcuni giorni fa lungo viale Bologna. Ad interrompere l'iniziativa dei volontari è stata la pioggia, ma l'iniziativa ha permesso di raccogliere undici sacchi grandi di rifiuti urbani gettati dal ponte sulle rive del fiume Montone.

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

"C’erano molte microplastiche - commenta Maurizio Naldi, promotore dei “Gilet Gialli" e consigliere del Comitato di Quartiere numero 2 -. Abbiamo pensato che in previsione delle piogge segnalate per questa settimana e quindi con l’innalzamento del livello del fiume, molti rifiuti, in particolare microplastiche, sarebbero state trasportate dall'acqua del corso fluviale al mare, con le conseguenze di un disastro ambientale che ben conosciamo. Così siamo velocemente intervenuti".

"Il ponte di Schiavonia - prosegue Naldi - è uno dei punti più sensibili agli abbandoni, specialmente il lato del numero 5, e una fototrappola qui sarebbe opportuna. Vi sono dei comuni vicino al nostro, come Ravenna e Cesena, che si stanno attrezzando per controllare aree soggette agli abbandoni con 200 fototrappole. La difesa ambientale è più importante del costo di un sistema di rilevazione fotografico ed invito l’amministrazione comunale a prenderne atto".

"Ci vuole un lavoro di squadra, dove ognuno deve fare la sua parte. Anche le Guardie Ecologiche Volontarie devono essere potenziate, essendo dei volontari non sono sempre a disposizione per intervenire, e questo non va bene se vogliamo debellare il fenomeno irresponsabile degli incivili che gettano in terra di tutto senza nessuna remora", conclude.

Da Naldi ed i volontari "un ringraziamento agli operatori di Alea, personale ufficio operativo e autisti del carico per la grande e precisa collaborazione dimostrata in occasione di questi interventi di volontariato nella difesa del territorio e quindi dell’ambiente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli incivili si liberano dei rifiuti lungo il Montone: i gilet gialli ambientali tornano in azione

ForlìToday è in caricamento