Irruzione di aria fredda artica, temporali in serie: anche una violenta grandinata

Conseguenze di un clima estremo: il fronte freddo ha innescato già lunedì lo sviluppo di alcuni nuclei temporaleschi particolarmente estesa

Foto di Marco Steel Bravi

In fretta e furia sono stati tirati fuori dagli armadi berretti, guanti e giubbotti. Un breve rigurgito d'inverno, dopo una prolungata fase di caldo anomalo, dovuto ad un'irruzione di aria fredda di matrice artica, che lunedì ha valicato le Alpi. La perturbazione attesa sul forlivese è arrivata, ma invece della pioggia, che sarebbe stata vera e propria manna dal cielo in un contesto di allarme siccità ormai conclamato (con le precipitazioni in calo del 40% rispetto alle attese), è arrivata la temuta grandine. Conseguenze di un clima estremo: il fronte freddo ha innescato già nel primo pomeriggio di lunedì lo sviluppo di alcuni estesi nuclei temporaleschi; un fatto assolutamente normale dopo un lungo periodo caratterizzato da temperature anomale e dal sapore da primavera inoltrata.

ANCHE NEL RAVENNATE: FORTE GRANDINATA A RUSSI

Grandine e danni all'agricoltura

Dal cielo è sceso un intenso bombardamento di ghiaccio che si è abbattuto a macchia di leopardo nell'entroterra, soprattutto nella zona di Premilcuore, ferendo in particolare gli albicocchi, già piuttosto avanti con le fioriture. In serata si è formato un altro intenso nucleo temporalesco, che ha manifestato la sua potenza sulla zona ovest di Forlì, accompagnato da un brusco calo delle temperature e da grandine.

In alcune zone i fenomeni sono stati anche violenti, come nel caso di Villanova e Villagrappa, dove i chicchi hanno creato un effetto neve, imbiancando strade e prati. Ed ora si teme per i danni causati dai micidiali pezzi di ghiaccio al patrimonio agricolo. Al momento sono in corso anche le verifiche degli agricoltori locali, invitati da Coldiretti a segnalare danni al fine di delineare con precisione il territorio colpito, operazioni indispensabile per accertare le eventuali perdite economiche e fondiarie subite con la conseguente individuazione dei benefici di legge applicabili.

Gli effetti del maltempo

In quota è tornata la neve, con la colonnina di mercurio precipitata al di sotto dello zero in poche ore. Il brusco cambiamento atmosferico, oltre ad un sensibile calo termico, si è manifestato con raffiche di vento, la più intensa di 77.6 chilometri orari misurata dalla stazione meteo dell'Arpae. I Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire per un albero crollato in via Del Canale e per alcune tegole spazzate via dal tetto di un condominio.

Cosa attenderci

La tendenza è per un'attenuazione dei fenomeni già nella nottata tra lunedì e martedì. La giornata di martedì si annuncia soleggiata, ma ventosa. I venti soffieranno, spiega il servizio meteorologico dell'Arpae, "deboli dai quadranti occidentali in mattinata, con raffiche ancora di moderata intensità sulla fascia costiera; tendenti a divenire deboli sud occidentali dal pomeriggio, con rinforzi sulle aree del crinale appenninico durante le ore serali".

Mercoledì una debole perturbazione determinerà "cielo molto nuvoloso o coperto, con deboli precipitazioni sui rilievi al mattino ma in estensione sulle aree della pianura centro-orientale a partire dalle ore pomeridiane; localmente i fenomeni potranno assumere carattere di rovescio e saranno a carattere nevoso sulle aree di crinale, con quota neve in abbassamento fino a 900-1000 metri durante le ore pomeridiane e serali".

Le temperature minime oscilleranno intorno ai 6°C, mentre le massime tra 10 e 14 gradi. I venti soffieranno deboli sud-occidentali ma tendenti a disporsi da Nord-Est e a intensificare sul settore costiero durante le ore serali. Successivamente, informa l'Arpae, "la rimonta del promontorio anticiclonico favorirà condizioni di tempo stabile e parzialmente soleggiato, con temperature in aumento specialmente nei valori massimi".

grandine-11-marzo-2019-foto-marco-steel-bravi382119424_n-2

grandine-11-marzo-2019-foto-marco-steel-bravi-3

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Feroce scazzottata in centro storico, ragazzo in coma al "Bufalini"

  • "Afferra i bambini e allarma le mamme": paura in centro. La polizia ferma un uomo

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento