Furgone carico di pane per sfamare i piccioni, multato

La Polizia Municipale di Forlì dichiara guerra ai piccioni. Una pattuglia dei Vigili di Quartiere del comando di corso della Repubblica ha "beccato" mercoledì di buon mattino un cinquantenne

La Polizia Municipale di Forlì dichiara guerra ai piccioni. Una pattuglia dei Vigili di Quartiere del comando di corso della Repubblica ha “beccato” mercoledì di buon mattino un cinquantenne con un furgone carico di pane da dare ai piccioni. Il fatto è avvenuto in viale Vittorio Veneto. L'uomo è stato sanzionato con una multa di 50 euro. Il fenomeno della somministrazione incontrollata di cibo ai piccioni è vietato con il Regolamento di Igiene Urbana Veterinaria e di Igiene degli Alimenti.

L'ARTICOLO - Tale è esteso in senso generale per tutti gli animali  in quanto l'articolo 163 "Animali sinantropi in stato di libertà" vieta di abbandonare sul territorio comunale contenitori o residui di cibo al di fuori di quelli predisposti dai volontari autorizzati.

L'eccesso di amore  per gli animali a volte sconfina in atti in realtà dannosi per gli  stessi;  nel caso specifico questi alimenti non sono tipici della naturale alimentazione dei piccioni determinando loro una dannosa dipendenza antropica. Bisogna inoltre considerare che tali fenomeni determinano anche inconvenienti igienico sanitari potendo contribuire alla proliferazione di infestanti.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Folle velocità, schianto e cappottamento in Tangenziale: guidava con una patente falsa

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento