menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hera senza pubblicità, unanimità in Consiglio

Basta spendere soldi in pubblicità, utilizzateli per migliorare il servizio. E' quanto chiede un ordine del giorno approvato all'unanimità dal consiglio comunale di Forlì

Basta spendere soldi in pubblicità, utilizzateli per migliorare il servizio. E' quanto chiede un ordine del giorno approvato all'unanimità dal consiglio comunale di Forlì che impegnerà il comune (in quanto socio e componente dell'assemblea dei soci di Hera) a chiedere una modifica allo statuto dell'azienda per chiedere di vietare ogni forma di pubblicità fine a se stessa per i servizi che gestisce in regime di monopolio. A Forlì, insomma, si torna alla carica per chiedere maggiore morigeratezza della multiutility che gestisce i servizi pubblici.

Le spese pubblicitarie di Hera  - sostiene l'ordine del giorno - sono ingenti: 7,2 milioni nel 2010, 7,9 nel 2011 con un aumento di 689mila euro. Per questo si chiede di contenere questi costi "non prettamente legati alla produzione per dedicare gli stanziamenti al miglioramento dei servizi oppure per dare maggiore supporto alle categorie degli utenti meno abbienti".

Ma non è l'unico documento approvato dal consiglio comunale forlivese che riguardi Hera. Approvata anche (con i voti di Lega, Pdl e Udc e 11 astensioni) la mozione che riguarda l'eventuale importazione di rifiuti dalle regioni del Sud. Giunta e sindaco si sono impegnati ad opporsi "all'accoglimento dei rifiuti da regioni o province le cui amministrazioni abbiano dimostrato cronica incapacità o disinteresse alla loro gestione, ad esprimere contrarietà alla politica dello scarica barile promuovendo criterio di autosufficienza e nel caso in cui si debba comunque accogliere i rifiuti per decisione ministeriali, di chiedere che siano precedentemente differenziati in impianti efficienti come quello di Vedelago (in provincia di Treviso) oppure in analoghi impianti che saranno realizzati a Forlì". La terza mozione approvata (all'unanimità) chiede la riduzione del numero e dei compensi degli amministratori di Hera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento