I metalmeccanici delle aziende del Forlivese incrociano le braccia: "Non siamo carne da macello"

Lunedì prossimo Fiom-Cgil e Uilm-Uil, insieme alle Rsu di alcune aziende del territorio come Bonfiglioli, Marcegaglia, Electrolux, Fiorini e Pieffeci hanno proclamato otto ore di sciopero

I metalmeccanici delle aziende del Forlivese incrociano le braccia. Venerdì i lavoratori dell’Electrolux si sono fermati per quattro ore, "esasperati dall’incertezza rispetto alla tutela della loro salute". Lunedì prossimo Fiom-Cgil e Uilm-Uil, insieme alle Rsu di alcune aziende del territorio come Bonfiglioli, Marcegaglia, Electrolux, Fiorini e Pieffeci hanno proclamato otto ore di sciopero. "Lo sciopero ha l’obiettivo di lanciare un segnale forte al Governo e alle imprese sulla necessità di rallentare e di interrompere l’attività produttiva, con la copertura di ammortizzatori sociali e strumenti contrattuali, per le prossime settimane o almeno fino a quando la situazione generale non sarà migliorata e le aziende non avranno effettuato interventi strutturali nei luoghi di lavoro tali da poter garantire la ripresa delle attività in totale sicurezza per i lavoratori", spiega per la Fiom Cgil e Uilm-Uil Giovanni Cotugno e Luca Francia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proseguono Cotugno e Francia: "L'ultimo decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri dell'11 marzo scorso non ha però riguardato una parte importantissima di questo Paese, vale a dire i lavoratori dipendenti, operai e impiegati privati e pubblici che si aspettavano un lockdown di tutte le aziende e i luoghi di lavoro, e che al contrario hanno appreso dal provvedimento governativo di essere cittadini di serie B e che la tutela della loro incolumità fisica è subordinata agli interessi e ai profitti dei datori di lavoro. Sin da giovedì le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici di tutta Italia hanno promosso iniziative di sciopero volte a far capire chiaramente al Governo e alle aziende che la salute e la sicurezza delle persone vengono prima di ogni cosa, e che se la gravità della situazione e la violenza di questo virus che sta sconvolgendo non solo il nostro Paese impongono misure così restrittive quanto necessarie, queste devono riguardare tutti".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento