I Rotary uniscono le forze e donano un ecografo di ultima generazione all'Ausl

Unendo le forze, col sostegno del Distretto 2072, Emilia-Romagna e Repubblica di San Marino, i 3 Club hanno donato un ecografo di ultima generazione al Pronto Soccorso dell’ospedale Bufalini di Cesena

Nuova preziosa donazione da parte del Rotary Club di Cesena , Forlì e Valle Savio a sostegno dell’attività ospedaliera. Unendo le forze, col sostegno del Distretto 2072, Emilia-Romagna e Repubblica di San Marino, i 3 Club hanno donato un ecografo di ultima generazione al Pronto Soccorso dell’ospedale Bufalini di Cesena.

La consegna ufficiale della donazione, del valore di 24mila euro, è avvenuta giovedì mattina al Bufalini, alla presenza, tra gli altri, dei tre presidente dei Rotary Club Francesco Zanotti (Cesena), Massimo Amadio (Forlì) e Maria Teresa Bonanni (Valle Savio), del direttore dell’Unità Operativa Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso Alessandro Valentino insieme al medico di Direzione sanitaria di Presidio Manuela Minghetti, del direttore Area Dipartimentale Risorse Strutturali e Tecnologiche dell’Ausl Stefano Sanniti , alla responsabile del Fundraising aziendale Elisabetta Montesi e alle coordinatrici infermieristiche di Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza.

"La nuova apparecchiatura   spiega Valentino - è una macchina appositamente ideata per l'utilizzo in Pronto Soccorso in situazioni di Emergenza e Urgenza ed è finalizzata a velocizzare le diagnosi di situazioni cliniche che pongano immediatamente a rischio di morte i pazienti critici o presunti tali. E molto utile per l’esecuzione della ‘Point Of Care Ultrasonography’ (l’effettuazione dell’ecografia ovunque si trovi il paziente) un elemento di diagnosi strumentale ormai imprescindibile nella pratica quotidiana in pronto soccorso".

"Vista l'emergenza sanitaria in corso e ascoltati i serrati inviti arrivati dal Rotary internazionale e fatti propri dal nostro distretto, Emilia-Romagna e San Marino - dichiara Zanotti a nome dei tre presidente Rotary - durante il lockdown  ci siamo messi in ascolto delle necessità del territorio e a servizio di chi ci chiedeva un aiuto. Sono emerse diverse necessità in ambito sanitario, in particolare nel settore ospedaliero. Da qui la nostra risposta all’esigenza emersa di  poter contare su un ulteriore e nuovo ecografo per le tantissime  visite che al Pronto soccorso e nel reparto di Medicina di urgenza vengono svolte ogni anno e durante le quali si eseguono ecografie. Così abbiamo deciso di portare il nostro mattoncino alla costruzione di una sanità al passo con i tempi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • Guasto al congelatore dell'ospedale, andate perse 800 dosi del vaccino stoccato a Forlì

  • "Io apro", 30 clienti a tavola. Ristoratore forlivese multato: "Un segnale per smuovere la situazione"

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

  • Meteo, ondata di freddo in arrivo: "Ma non parliamo di gelo. L'inverno continuerà ad essere dinamico"

Torna su
ForlìToday è in caricamento