I trekker Barbara e Moreno affrontano “Il cammino nelle Terre Mutate”

Nuova avventura attraverso un percorso solidale e di conoscenza dell’ambiente naturale e soprattutto delle persone che vivono nei luoghi trasformati dai vari terremoti

Un’altra avventura on the road questa estate per i due forlivesi che lo scorso anno avevano attraversato l’Italia a piedi da Ancona a Orbetello  per oltre 400 km. Il 31 luglio Barbara Taglioni e Moreno Diana partiranno da Forlì per affrontare “Il cammino nelle Terre Mutate”, un percorso solidale e di conoscenza dell’ambiente naturale e soprattutto delle persone che vivono nei luoghi trasformati dai vari terremoti che si sono succeduti a partire dal 2009: 14 giorni a piedi da Fabriano a L’Aquila, oltre 250 km di cammino nel cuore dell’Appennino. Un itinerario che attraversa i territori ed entra in contatto con le comunità di quattro regioni del centro Italia (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo), lungo i sentieri escursionistici e ciclabili di due importanti aree protette: il Parco Nazionale dei Monti Sibillini e il Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Un modo per dare un segno concreto alle popolazioni toccate dal terremoto e nello stesso tempo scoprire luoghi straordinari. Un percorso per non dimenticare, anzi per ricordare e fare pace con un passato difficile da accettare. Potremo seguirli sulla loro pagina Facebook Trekintamo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento