menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Cda di Conscoop al laboratorio di radiobiologia dell'Irst-Irccs

Il laboratorio di radiobiologia dell'Irst Ircss di Meldola comincia a fornire i primi importanti risultati, a un anno di distanza dalla donazione di 140mila euro di Conscoop che ha dato un fondamentale contributo per la sua attivazione

Il laboratorio di radiobiologia dell'Irst Ircss di Meldola comincia a fornire i primi importanti risultati, a un anno di distanza dalla donazione di 140mila euro di Conscoop che ha dato un fondamentale contributo per la sua attivazione. Il Consiglio di Amministrazione del Consorzio delle Cooperative di Produzione Lavoro e la Direzione di Legacoop Forlì-Cesena si sono riunite a Meldola per assistere alla presentazione delle ricerche avviate dai professionisti dell'Irst, sotto la guida del direttore scientifico Dino Amadori.

All'iniziativa erano presenti, tra gli altri, il Direttore di Legacoop Forlì-Cesena, Monica Fantini, il presidente di Irst, Roberto Pinza, il presidente di Legacoop Emilia-Romagna, Paolo Cattabiani, il presidente di Legacoop Rimini, Giancarlo Ciaroni e il presidente di Legacoop Ravenna, Elio Gasperoni. «Siamo una realtà da sempre impegnata nel sostenere la miglior qualità di vita per i nostri territori – ha detto Mauro Pasolini, Presidente di Conscoop e di Legacoop Forlì-Cesena - nella consapevolezza che la solidarietà sia un dato non solo etico o morale ma anche industriale, crediamo che la strada dell’impegno sociale intrapresa con l’Irst porti frutti a tutti i livelli, e che vada perseguita».

Il Laboratorio di Radiobiologia ha l'obiettivo di migliorare l’efficacia delle radioterapie, le interazioni e gli effetti sugli organismi viventi delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti. Il tutto nel pieno spirito della mission Irst, ovvero promuovere ricerche in grado di produrre risultati immediatamente trasferibili a beneficio del paziente e secondo un modus operandi che coinvolge più professionalità (dal biologo al clinico al fisico). Cuore dell’intenso incontro gli interventi del dottor Antonino Romeo, della dottoressa Anna Tesei e del dottor Rolando Polico (Direttore della Radioterapia Irst) che hanno mostrato risultati e i numerosi obiettivi del Laboratorio di Radiobiologia.

In particolare, tra gli altri, i ricercatori e professionisti Irst sono impegnati nella messa a punto di nuovi modelli sperimentali in vitro utili nella valutazione delle attività radianti su tessuto tumorale e sano; nel “disegno” di trattamenti che prevedano l’uso del trattamento radiante in associazione con la chemioterapia convenzionale e/o con nuove molecole radio sensibilizzanti. Altro importante focus è quello sulla radioresistenza delle cellule tumorali e le chance offerte dalla medicina rigenerativa per ottenere la riparazione dei tessuti lesi dalle radiazioni.

Ad aprire l’ampia parentesi che ha preceduto la sessione del Consiglio, è stato il presidente Irst, Roberto Pinza. Delineato il panorama nel quale l’Istituto si trova oggi a operare, il presidente ha rinnovato i ringraziamenti al movimento cooperativo: «Salutiamo non solo l’importante donazione fatta per il Laboratorio di Radiobiologia ma la continuità con la quale Conscoop sostiene l’Irst; è questa la migliore testimonianza di fronte al mondo che parte importante della società civile ed economica ci sono al fianco».

Il Direttore Generale di Irst Irccss, Mario Tubertini ha rilevato quanto il contributo offerto dalle donazioni come quelle di Conscoop permetta di promuovere con sempre maggior forza gli ambiziosi progetti Irst. Mattia Altini, Direttore Sanitario, ha evidenziato il rilevante impatto scientifico degli studi svolti e il ruolo della società civile e degli attori produttivi per il perseguimento della mission dell’Istituto. A concludere, il professor Dino Amadori, Direttore Scientifico Irst: “Quella odierna è una preziosa occasione per far comprendere come l'Irst sia un luogo dove nascono idee; idee che per crescere hanno bisogno del sostegno di tutti e di ampio respiro internazionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlimpopoli, lavori su via Tagliata, usare percorsi alternativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento