“Il Coronavirus come fonte d’ispirazione artistica”: inaugura la personale di Daniela Montanari

“In occasione del periodo di esilio forzato dagli eventi drammatici di questi ultimi mesi, ho maturato l'idea di un progetto artistico online”. La personale “Luci dall’Esilio” di Daniela Montanari sarà fruibile sulla pagina “Facebook” dell’artista a partire da sabato

Se l’obbligo di rimanere in casa durante la fase acuta della pandemia, è stato accolto con senso di responsabilità e disciplina da gran parte degli italiani, per un’artista forlivese è stato persino fonte di ispirazione. “In occasione del periodo di esilio forzato dagli eventi drammatici di questi ultimi mesi – scrive la pittrice Daniela Montanari – ho maturato l'idea di un progetto artistico online”. Si tratta di “Luci dall’Esilio”, che sarà fruibile da sabato 9 maggio, alle 17, sulla pagina “Facebook” di Daniela Montanari Artista. “Fruire arte attraverso un video sembra un controsenso, perché interviene un filtro che parrebbe minare irrimediabilmente il rapporto con l'immagine, ma soprattutto con la materia".

"La mia pittura – continua Daniela - si muove da sempre nell'ambito di uno spazio/tempo che vuole essere più mentale che fisico, perché si confronta con le categorie che rimandano al sogno, alla fantasia, alla rêverie, ma in continuo rapporto al vissuto quotidiano. Lo spazio/tempo sul quale ci stiamo per incamminare è quindi una “terra di mezzo”, un piano inclinato, privilegiato, che per questa sua natura apparentemente “impropria” permetterà alla pittura di fondersi con la musica e consentirà a tutti di partecipare, da qualunque luogo e in qualunque momento, dilatando queste categorie con le quali la mia pittura dialoga da sempre”. “Luci dall’Esilio – Light from Exile” – chiaro il riferimento alla cattività causata dal Covid19 – si avvale di musiche del cantautore forlivese Alberto Solfrini, prematuramente scomparso nel 2007 e della presentazione del critico e storico dell’arte prof. Enzo Dall’Ara. “Il brano musicale – precisa Daniela - è un inedito di Alberto Solfrini, che collaborò con altri musicisti di caratura internazionale. Alberto, amico fraterno, nel 2005, già molto provato dalla malattia, volle comporre un brano, di circa un’ora e mezza, pensando ai miei lavori pittorici”. Il progetto online, in tempi di quarantena, si configura come un'opera unica: 22 minuti di immagini e musica inscindibilmente unite.

Piero Ghetti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Daniela Montanari(personale.online)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento